Disinformazione: il Governo offre 500 euro e i clandestini vogliono 2000 euro al mese

0

Il 2 agosto 2017 viene condiviso un curioso video via Twitter:

IMMIGRATI CHE VOGLIONO 2000€ AL MESE..MA CI RENDIAMO CONTO? GLI ITALIANI LAVORANO SODO PER POCO PIÙ DI 1000€!VERGOGNOSO!#MovimentOnesti

Recuperando le immagini del video è stato possibile recuperare il video originale:

Il fatto è avvenuto a Piacenza, nel 2013:

I profughi nordafricani alloggiati nella nostra città stanno protestando da giorni. Il motivo? Il 31 dicembre 2012 infatti è terminato lo stato di emergenza, e il 28 febbraio 2013 finiranno gli aiuti che hanno permesso loro di rimanere sul nostro territorio. Gli stranieri chiedono soldi per andarsene o di lavorare, per questo motivo stamattina una parte di loro si è riunita davanti allla Prefettura con tanto di striscioni («Siamo stanchi e stuffi») chiedendo di parlare con il Prefetto. Dopo l’incontro con il viceprefetto De Francesco nel quale è stato proposto loro un bonus di 500 euro a testa il fronte si è diviso: alcuni vorrebbero accettare, altri invece lo rifiutano. Quindi, per ora nulla di fatto, i profughi hanno dichiarato che proseguiranno con la protesta.

La richiesta di 2000 euro era l’alternativa richiesta dai migranti per fronteggiare il viaggio e andarsene e non era neppure una somma “al mese“. Alla fine sono stati accettati i 500 euro che nel 2013 erano previsti per questo tipo di “uscita” dai centri di accoglienza:

 

Effettivamente, una circolare del ministero dell’Interno dello scorso 18 febbraio prevede una “buonuscita” di 500 euro per gli immigrati che lasciano i centri di accoglienza.

Ecco l’epilogo della storia nel seguente video:






Vi lascio a questo ulteriore video del 2013 sul tema:

 

 

David Puente

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi