DISINFORMAZIONE, Mcdonald sotto accusa: trovati altri vermi nei “Nuggets” di pollo

 

Ho ricevuto parecchie richieste per un vecchio articolo del 2016 pubblicato sul sito che si spaccia per “satirico”. Già, l’ennesimo sito bufalaro gestito dietro la pretesa della Satira che non c’è. Parlo di Italiani-informati.com e dell’articolo dal titolo “Mcdonald sotto accusa: trovati altri vermi nei “Nuggets” di pollo“:

Ancora una volta ci ritroviamo a commentare l’ennesimo scandalo alimentare. Non nuovo a questo tipo di notizie il colosso/catena di fast food americano mcdonald.

La notizia si è diffusa attraverso le pagine della testata giornalistica britannica Mirror.
Una donna ha ordinato un Happy Meal per la figlia di 4 anni con dei Nuggets di pollo, ma mentre la piccola mangiava si è accorta che all’interno dei bocconcini di pollo c’erano dei vermi. Nikki Sanders, questo il nome della giovane donna, ha dichiarato “Fortunatamente mia figlia non voleva mangiarli, così ho deciso di finirli io”.

Nikki ha denunciato l’accaduto sostenendo di non voler alcun rimborso dal fast food ma di pretendere una spiegazione sui controlli e sulla qualità dei prodotti.​

La “notizia” del Mirror è datata 24 gennaio 2015 (“Horrified mum: ‘I found a WORM in my kid’s Chicken McNugget Happy Meal’“) e come potete ben intuire la Satira non ha nulla a che fare con l’articolo del sito italiano. Andiamo avanti.

La foto usata dal sito italiano e riportata dal Mirror.

Episodi simili erano accaduti in passato, sempre nel 2015 troviamo un articolo de Il Giornale che fa riferimento ad una presunta “coda di topo” trovata sempre all’interno dei “famigerati” Nuggets del McDonald’s:

È andato in un McDonald’s per far felice il figlio. Ma per l’uomo, un francese di St Bonnet de Mure, non lontano da Lione, la sopresa è arrivata quando ha addentato un nuggets.

Dalla carne di pollo spuntava infatti un filamento scuro e duro che, a suo dire, “sembra una coda di topo”. La foto è finita su Facebook, mentre il boccone è stato congelato in attesa di esami (come racconta lo stesso Damien nei commenti al suo post).

Dopo aver citato il presunto verme e la presunta coda di topo, parliamo di qualcosa di più concreto: la carne separata meccanicamente (CSM in italiano, “Mechanically separated meat” o MSM in inglese). La carne dei nuggets, così come altri prodotti alimentari, si ottiene rimuovendo i residui di carne dalle ossa o dalle carcasse del pollame attraverso  processi meccanici (video) ed è inevitabile che possiamo ritrovare al loro interno dei tendini:

Mechanically separated meat is a paste-like or batter-like meat product created by forcing unstripped bones under high pressure through a type of sieve to separate edible meat tissue (including tendons and muscle fiber) from the bones. […]

MSM is typically used in cheaper meat products (such as hot dogs, chicken nuggets, and frozen dinners) which need not retain the appearance, shape, or texture of “regular” meat. In order to satisfy consumer preferences, food producers may utilize additives in MSM-derived products in order to alter their color, taste, or texture.

Nulla di “segreto“. Eccovi il servizio video di “How It’s Made” con Grant Imahara (noto volto del programma Mythbusters) che racconta come vengono fatti i McDonald’s Chicken McNuggets:

Concludo riportando il disclaimer del sito “Italiani-informati.com” (scritto in piccolo piccolo in fondo) seguito da una citazione finale:

Italiani Informati Copyright © 2017.
Italiani-informati.com copyright © 2016. Italiani-informati.com non è contraddistinto da una testata e viene aggiornato senza alcuna periodicità regolare. Esso non costituisce “prodotto editoriale” ai sensi e per gli effetti della legge 7 marzo 2001, n. 62, né si applicano allo stesso le disposizioni previste per la stampa, ivi incluse le norme di cui alla legge 8 febbraio 1948, n. 47. Italiani-informati.com è un sito satirico e quindi alcuni articoli contenuti in esso non corrispondono alla veridicità dei fatti. La redazione non intende minimamente offendere nessuno. Testi, video e immagini inserite e contenute in questo blog sono tratte da internet e pertanto, considerate di pubblico dominio. E’ possibile utilizzare gli articoli contenuti in questo sito solo se esplicitamente citata la fonte tramite link di collegamento.

David Puente 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi