Donna portata via dal vento sull’isola di Sachalin nell’oceano Pacifico

Una tristissima notizia ci giunge da Sachalin, un’isola dalla forma allungata che si trova nell’oceano Pacifico settentrionale, nell’estremo oriente della Russia, dove una signora è stata portata via dalla bora.

Nella fattispecie, si tratta di una donna di 65 anni pensionata, che vive al quarto piano in un palazzo residenziale di cinque piani. Come suo solito, era uscita fuori al balcone per fumare una sigaretta, ed qui che succede l’inenarrabile: una forte raffica di vento la trascina via scaraventandola sul suolo.

Fortunatamente la donna ha impattato con il consistente manto nevoso venutosi a creare a causa della burrasca, riuscendosi a salvare la vita. Purtroppo però la sfortuna non finisce qui, infatti, per via della fitta neve, l’autoambulanza non ha potuto raggiungere il luogo in cui è avvenuto l’incidente.

È stato necessario l’intervento di una macchina a scavatrice che ha aperto la strada e successivamente prelevato la donna, che è stata trasferita immediatamente nell’ospedale più vicino, dove ha ricevuto le cure adeguate.

Ovviamente nella zona e in diverse aree dell’isola di Sachalin è stato imposto il regime di calamità naturale, in quanto la visibilità sulle strade è zero e la forza del vento raggiunge addirittura i 42 metri al secondo.

Dunque un’ennesima testimonianza di come le forze della natura possano rappresentare un pericolo se vengono sottovalutate. Anche in Italia i casi in cui i fattori climatici hanno comportato delle tragedie sono innumerevoli, basti pensare ai disagi della Liguria e della Toscana (alluvioni) e ai terremoti del centro Italia e delle isole minori.

Ciò che conta in questi casi è prendere le giuste precauzioni, in quanto l’uomo è praticamente impotente di fronte all’affascinante e al contempo bruta forza degli agenti atmosferici. Anche uscire fuori al balcone per fumare una sigaretta può rivelarsi deleterio e quindi è bene barricarsi in casa e attendere la fine della tempesta.

Antonio Pilato

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *