L’identità sessuale del partner può incidere sul benessere delle donne bisessuali

Secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of Bisexuality, la salute e il benessere delle donne bisessuali possono essere influenzati dal genere e dall’orientamento sessuale del loro partner.

Secondo lo studio, le donne bisessuali con partner maschi eterosessuali hanno meno probabilità di essere aperte riguardo la propria sessualità.

“Ci sono differenze significative nelle relazioni che dipendono dall’identità sessuale e di genere dei partner delle donne bisessuali”, ha affermato l’autore principale dell’articolo scientifico.

La ricerca

I ricercatori hanno fatto domande a più di 600 donne bisessuali (e quelle che riferiscono di essere attratte da più di un genere) riguardo la loro salute mentale, quanto sono aperte alla loro sessualità, le loro esperienze con la discriminazione e qualsiasi sintomo di depressione. Hanno anche raccolto dati sul fatto che le intervistate fossero single o impegnate in una relazione e sull’orientamento sessuale e l’identità di genere del loro partner.




Tra le scoperte: nelle relazioni con uomini eterosessuali, le donne bisessuali hanno meno probabilità di essere aperte sul loro orientamento sessuale.

Casey Xavier Hall, ricercatore post-dottorato presso l’Institute for Sexual and Gender Minority Health della Northwestern University e autore principale dell’articolo, spiega:

La maggior parte delle ricerche sulle relazioni si è concentrata sulle coppie eterosessuali. C’è pochissima ricerca sulle relazioni delle persone bisessuali. Ci sono differenze significative nelle relazioni che dipendono dall’identità sessuale e di genere dei partner delle donne bisessuali.

Apertura riguardo la propria sessualità

Le donne bisessuali che hanno relazioni con donne lesbiche, donne bisessuali e uomini bisessuali hanno maggiori probabilità di essere aperte riguardo la loro sessualità rispetto a quelle impegnate con uomini eterosessuali.

Il grado di apertura è stato misurato chiedendo alle partecipanti quanto fossero aperte riguardo al proprio orientamento sessuale.

I ricercatori hanno ipotizzato che le donne bisessuali potrebbero essere più a loro agio nel rivelare il loro orientamento sessuale quando hanno una relazione con una donna. Inoltre, le donne bisessuali avrebbero più probabilità di essere aperte con un partner maschile bisessuale rispetto a un partner maschile eterosessuale, suggerendo che un’identità bisessuale condivisa potrebbe essere significativa.

La particolarità della nostra scoperta è che le donne bisessuali nelle relazioni con uomini bisessuali avevano maggiori probabilità di essere aperte rispetto alle donne bisessuali nelle relazioni con uomini eterosessuali – ha detto Xavier Hall.

Ciò riguarda l’identità sessuale e di genere del partner.




Discriminazione

I ricercatori hanno scoperto che il genere e l’orientamento sessuale dei partner delle donne bisessuali sono importanti per le loro esperienze di discriminazione e per la base della loro identità sessuale.

Rispetto alle partecipanti impegnate con uomini eterosessuali, i rapporti di esperienze di discriminazione erano più alti tra le partecipanti che avevano relazioni con donne lesbiche, donne bisessuali e uomini bisessuali, e tra le partecipanti single.

Xavier Hall ha spiegato che le ragioni esatte di questa scoperta non sono chiare. “La visibilità della tua identità potrebbe essere in gioco”, ha detto. “Se sei visibilmente queer, potresti subire una maggiore discriminazione”.

Xavier Hall ha anche affermato che le donne bisessuali sperimentano due forme di stigma: l’omofobia e il monosessismo.

Il monosessismo è una sorta di stigma sperimentato da individui attratti da più generi, come bisessuali, pansessuali e altri individui che si identificano queer. Lo stigma deriva, secondo Xavier Hall, dall’idea che le identità monosessuali come gay o eterosessuali siano normali o superiori alle identità sessuali che sono inclusive di genere. “Sono necessarie ulteriori ricerche per capire cosa porta alla discriminazione”, ha detto.

Depressione

Lo studio ha anche scoperto che le donne bisessuali con partner lesbiche hanno meno sintomi depressivi rispetto alle donne bisessuali single.




Ricerche precedenti hanno rilevato differenze nella salute mentale tra donne bisessuali in relazioni con donne e uomini, ma non avevano esplorato il ruolo dell’orientamento sessuale delle partner femminili. Dice a proposito Xavier Hall:

Questo mi fa venire voglia di vedere più ricerche che esaminano le relazioni donna-donna che tengono conto delle differenze nell’identità sessuale del partner, per sapere davvero se ci sono differenze e per capire cosa potrebbe spiegare tali differenze.

Un sondaggio Gallup stima che oltre la metà di tutti gli adulti LGBTQ si identifica come bisessuale e, di questi, la maggioranza sono donne. Xavier Hall spera che la ricerca futura esplori i bisogni di salute specifici delle donne bisessuali: “Penso che sia importante dare voce alle esperienze delle persone bisessuali”.

Annapaola Ursini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *