Dreamcatcher, ieri come oggi

Il Dreamcatcher, meglio conosciuto con il nome di Acchiappasogni, è uno strumento magico utilizzato dagli Indiani d’America per scacciare gli incubi e attirare i sogni tranquilli.

Fin dall’inizio dei tempi, quando l’uomo temeva ancora la saetta di Zeus, l’essere umano ha sempre ricercato delle certezze, ha sempre desiderato un rifugio sicuro. Nasce così dal bisogno la religione che, in molte terre e per ampi spazi temporali, viene associata alla magia. Il Dreamcatcher è un’evidente dimostrazione di questo binomio.

La provenienza del dreamcatcher è dubbia. Si pensa possa essere stato costruito per la prima volta dalla tribù dei Chippewa, per poi diffondersi in tutto il nord America. Le leggende legate alla creazione degli acchiappasogni sono molteplici, tuttavia quella legata alla cultura dei Cheyenne è la più dolce.

dreamcatcher.it
dreamcatcher.it

La leggenda narra che nel piccolo villaggio indiano, quando ancora l’uomo bianco non ha pensato di arrivare, vive una bambina chiamata Nuvola Fresca. Quando un giorno, la piccola racconta alla sua mamma che un corvo si nutre della sua carne ogni notte, Ultimo Sospiro della Sera la rassicura dicendo che di notte si sogna e i sogni non sono realtà. All’ennesimo incubo di Nuvola Fresca però, Ultimo Sospiro della Sera decide di costruire un oggetto in grado di pescare i sogni nel lago della notte. Piegando un legno di salice costruisce un cerchio, simbolo dell’universo, all’interno del quale intreccia una rete simile alla ragnatela di un ragno e conferisce poi al tutto un potere magico: riconoscere i sogni dagli incubi. I sogni sono consegnati al filo delle quattro perline, simbolo delle forze della natura, che hanno il compito di farli avverare. Gli incubi, invece, sono affidati alle piume di uccello che li porteranno lontano e li disperderanno nei cieli in modo da non poter più tornare.

Per gli indiani d’America è ancora oggi molto importante che ogni nuovo nato abbia appeso sulla culla un acchiappasogni, che verrà abbellito dal bambino durante la crescita in modo da far aumentare la magia e dunque, in qualche modo, la sua funzione protettiva. Una volta adulti, è usanza che ognuno confezioni da solo il proprio dreamcatcher: in tal modo si spazzano via le negatività della vita e si libera la magia rimasta intrappolata nel corpo.

Ogni Cheyenne riceve in dono un acchiappasogni alla nascita e questo lo accompagnerà per il resto della vita, in quanto oggetto sacro oltre che magico, portatore di protezione e di forza.

Maria Giovanna Campagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *