Due cuginetti travolti da un Suv: uno è morto, l’altro ha perso le gambe

I 2 ragazzini erano seduti sull'uscio di casa, quando il Suv li ha tranciati. L'uomo alla guida dell'auto è risultato positivo ad alcol e droga

0

Due cuginetti travolti da un Suv,  nel centro storico di Vittoria (Ragusa): uno è morto, l’altro ha perso le gambe ed è ricoverato in gravissime condizioni.

I due ragazzi, 11 e 12 anni, erano seduti sull’uscio di casa, quando un’auto a folle velocità li ha tranciati. Alessio D’Antonio, il più piccolo dei 2, è morto sul colpo. Il cuginetto, Simone, è stato invece ricoverato in gravissime condizioni nell’ospedale di Vittoria: operato d’urgenza, ha subito l’amputazione delle gambe.

È stato operato ma purtroppo non abbiamo potuto salvargli le gambe che sono state tranciate durante l’incidente. Le sue condizioni sono stabili ma gravi, è ancora in pericolo di vita”, ha spiegato la direttrice dell’unità operativa di terapia intensiva neonatale del Policlinico di Messina, Eloisa Gitto.

Il piccolo, dopo un delicato intervento nell’ospedale di Vittoria, è stato trasferito in elisoccorso a Messina, dove si trova in rianimazione. 





Omicidio stradale aggravato

Alla guida dell’auto, una Jeep Renegade scura, c’era Rosario Greco. L’uomo avrebbe perso il controllo della vettura durante una manovra azzardata di sorpasso, in Via IV Aprile, dove i due cuginetti sono stati travolti dal Suv. Dopo la fuga, gli agenti lo hanno identificato e portato in Questura. Greco è stato arrestato per omicidio stradale aggravato. Gli esami effettuati dall’Asp hanno accertato la presenza di un tasso alcolemico quattro volte superiore ai limiti di legge. E’ stato lui stesso a rivelare ai poliziotti di aver assunto birra e cocaina. In auto con lui c’erano altre 3 persone. Fuggiti a piedi dopo l’incidente, si sono presentati volontariamente in Questura, spiegando di essere scappati per “paura di essere linciati”. I 3 sono stati denunciati in stato di libertà per omissione di soccorso e favoreggiamento personale.

Greco, figlio di un boss del ragusano, ha precedenti penali per porto abusivo di armi e traffico di sostanze stupefacenti. Nel 2015 è stato arrestato per detenzione illegale di armi. Anche ieri, nell’auto che ha travolto i due cuginetti, la Polizia ha rinvenuto uno sfollagente telescopico e una mazza da baseball.

Mena Indaco

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi