Elezioni midterm USA 2022: chi e come si vota

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Martedì 8 novembre si terranno, negli USA, le elezioni midterm.
Come funzionano? Quali sono gli schieramenti, e che progetti hanno?

Elezioni midterm USA 2022: per cosa si vota?

Le elezioni di metà mandato negli USA hanno luogo dopo due anni dall’insediamento del Presidente, e hanno il compito di rinnovare i rappresentanti del Congresso.
Pensate dai Padri Costituenti come “freno d’emergenza” alla presidenza, oggi vengono spesso considerate un “referendum sull’operato del Presidente” e, raramente, sono favorevoli al partito che detiene il potere.

Repubblicani e democratici si scontrano per ottenere tutti i seggi della Camera (345) e un terzo di quelli del Senato (35 su 100).
Attualmente, i democratici detengono un’ampia maggioranza nella Camera, con 220 seggi contro i 212 dei repubblicani, e una maggioranza di un solo voto in Senato.
Se i democratici dovessero vincere, Biden seguirebbe detenendo la maggioranza. Se dovessero perdere, il Presidente dovrà scontrarsi con i repubblicani schierati a fianco di Trump, e non avrà più la possibilità di esercitare i suoi pieni poteri.

Dalla guerra all’aborto: quali sono i temi in gioco

I tre protagonisti delle elezioni midterm USA 2022 sono Biden, Trump e Obama.
I temi su cui si stanno confrontando in questa campagna sono molti: dalla guerra al caro energia, dall’aborto al porto d’armi.

Guerra ed economia

Secondo i sondaggi, l’andamento dell’economia condizionerà il voto dell’85% degli elettori.
Negli USA, il costo della vita ha raggiunto i massimi livelli da oltre 40 anni, spingendo la Banca Centrale ad alzare i tassi d’interesse a un livello più alto del 2008. E la situazione, come afferma il governatore della Banca, potrebbe peggiorare fino alla recessione.

In questo ambito, i repubblicani potrebbero essere favoriti dal crescente scontento causato dalla guerra in Ucraina e dalle sue conseguenze sull’economia e sul caro energia.

Sempre sul tema guerra, Trump ha attaccato Biden citando Cina e Taiwan.

Biden ha consentito alla Russia di devastare l’Ucraina. E la Cina contro Taiwan sarà la prossima

Inoltre, durante un recente comizio in California, Biden ha richiamato l’Iran, scosso dalle proteste interne contro il regime.
Presto libereremo l’Iran“, ha esordito il Presidente, correggendosi poco dopo e dichiarando: “Loro stessi si libereranno da soli“.




L’intervento si è trasformato in una gaffe, alla quale Teheran ha prontamente reagito.

Signor presidente! L’Iran è stato liberato 43 anni fa ed è determinato a non essere più il suo prigioniero. Non saremo mai la vostra mucca da mungere

Aborto e diritti delle donne

Secondo gli osservatori, i democratici hanno dalla loro parte uno dei temi più forti, ossia il diritto all’aborto.
Con la decisione della Corte Suprema USA (a maggioranza repubblicana) di abolire il diritto federale all’interruzione di gravidanza, molti Stati governati da repubblicani hanno fortemente ostacolato la libertà delle donne.
In molti casi, questa decisione ha portato alla mobilitazione dell’elettorato femminile, con un conseguente ridimensionamento dell’appoggio repubblicano.

Giustizia e democrazia

La campagna repubblicana punta sul tema della giustizia, partendo dalle elezioni del 2020 che segnarono la fine dell’era di Trump, e che ancora oggi vengono contestate.

In caso di vittoria, Trump ha annunciato l’apertura di una serie di indagini sull’Amministrazione Biden, in particolare sugli affari del figlio Hunter.
L’obiettivo è riscontrare eventuali conflitti d’interesse tra il Presidente e gli affari della famiglia.
In più, i repubblicani intendono indagare nel dettaglio le accuse di politicizzazione dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia, le politiche sull’immigrazione, il ritiro dall’Afghanistan, e le origini del Coronavirus in Cina.

In risposta, Biden ha ricordato l’attacco al Campidoglio del 6 gennaio, esortando i cittadini a votare in difesa della democrazia.

La democrazia americana è sotto attacco perché l’ex presidente sconfitto ha rifiutato di accettare i risultati delle elezioni del 2020. Ha rifiutato di accettare la volontà del popolo. Ha rifiutato di accettare il fatto che ha perso.
Non si sono impegnati a riconoscere ad accettare il risultato del voto, hanno incoraggiato la violenza e le intimidazioni sugli elettori e sui dirigenti elettorali. Questo è senza precedenti, è illegale, è anti americano, è la strada per il caos in America

Discorso ripreso da Obama, che avverte che “la democrazia potrebbe non sopravvivere“.

Porto d’armi

Altro tema caldo è quello del porto d’armi.
Durante i primi 5 mesi del 2022, negli USA, si sono tenute 198 stragi, con una media di 10 attacchi a settimana.
Biden si è espresso più volte sulla necessità di dare un giro di vita alla lobby delle armi, inserendo il tema in cima all’agenda elettorale.

L’argomento è stato ripreso anche da Obama, che supporta Biden in questa campagna elettorale.

Chi proteggerà le vostre famiglie? I repubblicani che vogliono riempire le strade di armi o i leader democratici?

Aspettative e sondaggi

Quello di Biden è un programma che punta sulla difesa della democrazia e sull’arginare l’estremismo repubblicano.

Andate a votare pensando al futuro della democrazia.
Il potere dell’America è nelle vostre mani

I repubblicani, guidati da Trump, puntano invece sul “sogno americano“.

Se volete salvare il sogno americano, votate per i repubblicani a queste elezioni.
Non lo dirò in questo momento… Ma vi prometto, che tra pochissimo tempo sarete molto felici

Gli ultimi sondaggi del 26 ottobre mostrano un basso gradimento verso Biden, pari al 40%.
Per quanto riguarda il Congresso, i repubblicani sono favoriti alla Camera.
Al Senato, invece, i due partiti si fronteggiano con un lieve vantaggio repubblicano.

Giulia Calvani

 

Stampa questo articolo