Elisabetta Casellati: la seconda carica dello Stato non è super partes

0

La presidente Elisabetta Casellati vota ed è decisiva: passa la linea del centrodestra, lunedì il voto sull’autorizzazione a procedere per Salvini.


La seconda carica dello stato, la presidente del Senato Elisabetta Casellati, scende dal suo alto scranno senza alcun imbarazzo e consegna la vittoria alla fazione che sta dannandosi l’anima per assicurare alla Lega l’assist che potrebbe farle vincere la partita in Emilia Romagna.

Non è vietato dai regolamenti, certo, come non è vietato che il Salvini chiami “ladro di democrazia” il vertice della Magistratura, come non era vietato che il Di Maio chiedesse l’impeachment del presidente Mattarella senza neppure sapere cosa significhi. Non è vietato, ma ci fornisce l’esatta misura di quanto le istituzioni repubblicane a difesa della democrazia siano in pericolo.

Che la bassa politica, quella della nipote di Mubarak, dei 49 milioni, dei lager libici, del sabotaggio dei referendum, delle leggi elettorali “ad usum delphini” e di quelle ordinarie “ad personam”, dei conflitti d’interesse e dei finanziamenti illeciti si sia trasformata in una indegna gazzarra è sotto gli occhi di tutti e non da oggi.

Ci siamo abituati come ci siamo abituati alle mafie, ai teppisti da stadio, ai femminicidi, agli squadristi e ai pirati della strada, ma ciò che sta scricchiolando oggi sono i pilastri, gli architravi e le fondamenta delle istituzioni democratiche, quelle che fanno la differenza tra l’Italia e la Turchia di Erdogan.

E poi non dite che non vi avevo avvertito.

 

Mario Piazza

 

Informazione “di parte”, nell’intento di dar voce soprattutto a chi non né ha: gli ultimi, i deboli, gli emarginati. Di stampo apartitico, si schiera piuttosto dalla parte dei diritti, di chi lotta per essere riconosciuto, dalla parte dell’essere umano e dell’essere umani: per questo temi particolarmente cari sono la discriminazione razziale, sessuale e religiosa, i movimenti della classe operaia, lo sviluppo integrale delle persone appartenenti alle fasce più vulnerabili della popolazione come disabili, anziani e minori. Aiutaci a fare tutto questo, basta anche un caffè! La donazione ti darà la possibilità di entrare a far parte del nostro forum. Scrivici per sapere come.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi