Empatia, in Danimarca si insegna a scuola

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

L’empatia, in Danimarca, diviene una vera e propria materia scolastica da far apprendere ai bambini.

pikaia.eu
pikaia.eu

L’empatia. Una singola parola che racchiude in sé così tanto. Comprendere, accettare, non giudicare, sentire, provare, unire e legare vite, persone, vissuti e condividere e aprirsi a emozioni, gioie, sofferenze, ricordi, passati e presenti propri e dell’altro.

L’empatia per entrare in contatto con l’altro e (ri)trovare se stessi.

È un dono, fondamentale per tutti. Per relazionarsi, per socializzare, per provare, emozionarsi e vivere.

È giusto “apprenderla” fin da bambini per poter in futuro essere degli adulti sereni e socialmente soddisfatti.

Per questo in Danimarca, l’empatia è divenuta una materia da insegnare a scuola.

Come si può insegnare l’empatia?

Una volta alla settimana, gli alunni si trovano a seguire l’ora di Klassens Tid, ovvero “Tempo di classe”. In questi 60 minuti, i bambini si relazionano con i loro compagni, si confrontano tra loro, mostrandosi, accettandosi, discutendo, palesando emozioni o possibili disagi, condividendo con i propri compagni problemi che ognuno di loro si trova a vivere e ad affrontare in famiglia o tra i banchi di scuola. Si parla, ci si ascolta e ci si confronta.

Un’ora in cui bambini e insegnanti si scoprono e imparano a comprendere, gestire e accettare le emozioni proprie e dell’altro.

Questa ora di empatia, infatti, è fondamentale anche per gli stessi insegnanti i quali, in questi 60 minuti, riescono a costruire un rapporto sincero e intimo con ogni alunno, imparando a conoscerli e a scoprirli uno ad uno.

In questa lezione di empatia, i bambini si ritrovano a sperimentare una particolare atmosfera che in Danimarca prende il nome di “Hygee”. Tutti, alunni e insegnanti, si ritrovano in un ambiente estraneo, altro, privo di pregiudizi, di vergogne, di prese in giro o di imbarazzo. Il clima è sereno, pacifico, accogliente e disteso.

Tutti sentono e percepiscono tutti. Tutti sentono e percepiscono se stessi.

Un ambiente che permette lo scambio di solidarietà e comprensione che va a sostituire un po’ il buon vecchio diario in cui si custodiscono gelosamente i propri segreti e le proprie emozioni.

In questo caso, non si affidano a delle pagine bianche ma all’altro.

Che sia questo il segreto dei danesi, considerati dal World Happiness Report 2016 una delle popolazioni più felici al mondo?!

Giulia Simeone

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.