DONNE E UOMINI: DIVERSI COME, PERCHE’?

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

SUSANNA SCHIMPERNA

Di Susanna Schimperna

 

Non so se veramente le donne siano – nei loro bisogni psicologici, reazioni, desideri – diverse dagli uomini.

Su questo argomento ho letto una quantità impressionante di libri, riflettuto e scritto a mia volta libri. Ma nessuna parola definitiva è stata pronunciata da alcuno, ancora. Si va per approssimazioni, ci si innamora di tesi più o meno fantasiose o fin troppo basate sul buonsenso, ci si impossessa di scoperte scientifiche che sembrano mettere dei punti fermi (i quali invece puntualmente si rivelano, al massimo, tasselli interpretabili nei modi più vari). Niente più di questo.

Eppure, a pensarci bene, è proprio qui il segreto del fascino che la “specificità” dell’essere donna o uomo e la quotidiana constatazione di quanto l’astrologia “funzioni” esercitano su di me. Mi piace infatti moltissimo tutto ciò che ancora non è definito, dimostrato, catalogato una volta per tutte… ma che l’intuito percepisce come vero, e la pratica ci conferma essere perlomeno verosimile.

Cerchiamo di essere onesti: non esistono prove scientifiche della differenza  psicologica tra donne e uomini. Certo, alcune evidenze e coincidenze sono sbalorditive, e ci portano a interrogarci. Attualmente, però, non c’è la minima speranza di poter dimostrare che una donna sia davvero più “empatica” di un uomo o che l’uomo sia costituzionalmente più portato alla promiscuità rispetto alla donna.

Però. Il non avere prove non ci basta. Il non capire “come” non ci impedisce di continuare a osservare – sempre che non sposiamo teorie e non ci nutriamo di pregiudizi – che di fronte a certe situazioni le donne condividono spesso (sottolineo: spesso, non sempre) dinamiche assimilabili, mentre gli uomini ne condividono altre.

Per il momento, dunque, il non conoscere un inconfutabile “come” non soltanto non mi impedisce di interessarmi alla psicologia delle differenze, ma mi rende ancora più curiosa, addirittura appassionata.Certe volte, è bello non avere le idee chiare…

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.