Estendere e allungare il congedo per la nascita di un figlio

0

Allungare il congedo per la nascita di un figlio coinvolgendo anche i padri è una scelta giusta e fa bene la sottosegretaria  di Stato al ministero del lavoro e delle politiche social, Francesca Puglisi, ad annunciare che il Governo andrà in questa direzione.

Per due ragioni: una è legata più classicamente al tema della equa distribuzione del lavoro di cura nella famiglia, tra uomini e donne, per tutelare le carriere lavorative delle madri.

La seconda è perché va nella direzione di ridurre il tempo dedicato al lavoro e ampliare quello dedicato alla vita, a parità di salario.

Nell’era dell’automazione un governo serio dovrebbe ragionarne in termini più generali, a prescindere dalla maternità e dall’assistenza a disabili e anziani, ma in ogni caso anche da questo punto di vista la direzione annunciata è un piccolissimo passo avanti.


Mi chiedo soltanto perché non farne ulteriori, perché fermarsi per i padri ad un impegno di soli 30 giorni.
Perché non ridisegnare dalle fondamenta il rapporto con il lavoro in questo particolare periodo della vita?
Magari prevedendo ulteriori 6 mesi di part-time verticale o orizzontale, senza riduzione di stipendio, da ripartire obbligatoriamente al 50% tra padre e madre: 3 mesi l’uno, 3 mesi l’altra.


O ancora perché non ampliare l’istituto del lavoro agile, permettendo alle madri e ai padri, nel primo anno di vita del bambino, ove possibile, di lavorare metà settimana l’uno e metà l’altra in modalità smart-working?
Le soluzioni ci sono. Manca solo il coraggio di osare davvero il cambiamento.

 

Elisabetta Piccolotti

Informazione “di parte”, nell’intento di dar voce soprattutto a chi non né ha: gli ultimi, i deboli, gli emarginati. Di stampo apartitico, si schiera piuttosto dalla parte dei diritti, di chi lotta per essere riconosciuto, dalla parte dell’essere umano e dell’essere umani: per questo temi particolarmente cari sono la discriminazione razziale, sessuale e religiosa, i movimenti della classe operaia, lo sviluppo integrale delle persone appartenenti alle fasce più vulnerabili della popolazione come disabili, anziani e minori. Aiutaci a fare tutto questo, basta anche un caffè! La donazione ti darà la possibilità di entrare a far parte del nostro forum. Scrivici per sapere come.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi