Ex Jugoslavia, criminale di guerra si avvelena e muore in tribunale

Dopo aver ascoltato il verdetto di colpevolezza ha bevuto un veleno ed è morto sul colpo.

L’episodio è accaduto oggi presso il Tribunale Penale Internazionale a L’Aja. Il suicida è Slobodan Praljak, uno dei sei ex leader politici e militari croati-bosniaci. L’uomo era apparso difronte alla Corte nel corso del processo di appello contro i crimini di guerra perpetrati nell’Ex Jugoslavia. Naturalmente dopo il gesto estremo, l’udienza è stata sospesa.

Ex Jugoslavia
Slobodan Praljak mentre beve il veleno – Fonte: ilsussidiario.net

La sentenza del Tribunale Internazionale

Il Tip aveva appena confermato la condanna a 20 anni di prigione comminata a Praljan nel 2013 per i crimini di Mostar, avvenuti dopo il crollo dell’ex Jugoslavia. L’uomo, 72enne, ha urlato ” non sono un criminale” e poi ha ingurgitato la sostanza mortale in diretta televisiva. Il suo avvocato ha lanciato subito l’allarme che non è servito a salvare il suo assistito.

Nel corso dell’udienza sono state comminate le sentenze per sei imputati, ovvero Jadranko Prlic, Bruno Stojic, Slobodan Praljak, Milivoj Petkovic, Valentin Coric e Berislav Pušic. Le condanne vanno dai 10 ai 25 anni. Jadranko Prlic, all’epoca Primo ministro dell’autoproclamata Repubblica Coreata dell’Herzeg-Bosnia, ha ricevuto il massimo della pena. Il minimo è toccato a Berislav Pušic, responsabile dei campi di prigionia dell’Hvo, la milizia croato-bosniaca.

Ex Jugoslavia
Slobodan Praljak – Fonte: lastampa.it

Le colpe di Slobodan Praljak

Praljak era stato condannato a 20 anni anche in primo grado. Era una delle figure più importanti del processo perché faceva da intermediario tra il governo di Zagabria e quello della Herzeg-Bosnia, rivestendo una duplice funzione. Quella di ufficiale del Ministero della Difesa croata e comandante dell’Esercito dell’Herzeg-Bosnia. E la funzione di capo delle operazioni dell’Hvo nella zona di Mostar. Con la sentenza è stato riconosciuto come principale responsabile della distruzione dello Stari Most, il Ponte vecchio della città dell’Erzegovina, simbolo secolare di Mostar e della convivenza interculturale ospitata al suo interno.

L’Hvo bombardò il vecchio ponte il giorno 8 novembre del 1993. La struttura crollò il giorno seguente, arrecando “un danno sproporzionato alla popolazione civile musulmana della città”.

Michele Lamonaca 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *