Fare la spesa senza supermercato? Arriva la bio mappa della metro

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Tutti così attenti a ridurre gli sprechi, alla sostenibilità, al risparmio, al biologico, alla natura. Ma poi quando arriva il momento di fare la spesa, eccoci puntualmente in coda alla casa di un ipermercato con il carrello strabordante di ogni tipo di alimento prodotto industrialmente e che arriva chissà da quale parte del mondo.

Perché – si sa – informarsi costa tempo, e la tentazione di fare la spesa al maxi store e al centro commerciale per “comodità” è sempre in agguato.




Per chi avesse bisogno dell’incentivo giusto ed anche per chi volesse ampliare la propria rete di negozi dove acquistare degli alimenti locali o biologici e fare la spesa in modo sostenibile, è disponibile la bio mappa della metro, limitatamente alla città di Roma.

Si tratta di un’iniziativa della giornalista e autrice televisiva Giulia Soi che, con lo pseudonimo di “Giulia sotto la metro”, ha mappato orti urbani, gruppi di acquisto solidale, aziende agricole e mercati locali dopo poter fare acquisti in modo consapevole e a km zero.

La “costruzione” della bio mappa è stata possibile anche grazie alla collaborazione con “Vivere senza supermercato” (progetto editoriale e web di Elena Tioli) e GAS – Gruppo di acquisto solidale.

L’obiettivo comune è promuovere uno stile alimentare e di vita più sano ed ecologico, sostenendo botteghe e produttori di quartiere e permettendo a tutti di poterle raggiungere in modo sostenibile, ovvero con il trasporto pubblico. Nella bio mappa, infatti, sono indicati i locali raggiungibili a piedi da ogni fermata della metropolitana della Capitale.




Un altro piccolo tassello nel più ampio progetto di fare in-formazione, ovvero informare e al contempo formare gli individui sul significato e sulle applicazioni pratiche dei concetti di sostenibilità, corretta alimentazione, attenzione al buon cibo e sostegno alle attività locali.

Occorre riconoscere che l’attenzione nei confronti di tali temi sta progressivamente aumentando: basti pesare che nell’ultimo mese nelle principali città italiane si sono svolti numerosi eventi legati allo sviluppo sostenibile, proprio con lo scopo di diffondere e facilitare stili di vita più ecologici, economici e salutari.

È possibile scaricale la bio mappa qui https://biomappa.gr8.com/

Annachiara Cagnazzo

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.