Forza Italia non ha futuro, così Jole Santelli sacrifica i calabresi per rispettare gli ordini di Salvini

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Jole Santelli sacrifica i calabresi ammiccando a Matteo Salvini che ben volentieri accetta il sacrificio per alimentare le sue mire.


La cosa che fa più – diciamolo – pena?

Che questa persona stia mettendo a rischio la vita di tantissimi cittadini neanche per un “principio”. Ma perché obbedisce alla strategia della Lega e del suo capo, del suo boss, del suo “capitano”. Che ha annusato l’aria, ha capito che una parte d’Italia vuole riaprire, e ha dato l’ordine ai suoi: andate contro il governo. Mettiamoli in difficoltà.

E chi ha scelto come avanguardia, come agnello sacrificale per il battesimo del fuoco? La Calabria. Mica una delle regioni governate da qualcuno della Lega. Ma la Calabria. Governata da una persona, Jole Santelli, che quando si candidò non aveva neanche la residenza lì. E che dato che Forza Italia futuro non ne ha, inizia ad ammiccare al “capitano”. Che ben volentieri sacrifica i calabresi per le sue mire. E che quando la Santelli ha annunciato di non voler ritirare la sua folle ordinanza, le ha mandato un bel messaggio in diretta tv:

“Sono d’accordo con le decisioni da Jole Santelli…”, ha detto sogghignando.




Perché è contento che tutto proceda come vuole lui. È contento che la soldatessa Santelli stia discretamente portando avanti gli ordini senza fare retromarcia. E se questo costerà la vita, la salute di tanti calabresi, poco importa. Tanto la Lega lì ha già perso voti.

E perché in fondo, non scordiamo, la Lega non è sempre stata solo Lega. C’era un’altra parolina lì prima. Che non era Calabria, Campania, Puglia o Sicilia. Ma “Nord”.

E sarebbe quindi ora che i calabresi, e tutti i meridionali che hanno votato Lega e amici, se ne ricordassero. Perché a questo giro, la pelle su cui questi due stanno giocando è la loro.

 

Stampa questo articolo

One thought

  1. La stessa cosa sta accadendo in Sardegna!
    E non sono preoccupato per la mia regione, abbiamo un numero basso di contagi, peraltro in costante diminuzione…mi preoccupano, paradossalmente, le reazioni del Nord: Milano e Brescia hanno ancora incrementi giornalieri di centinaia di infetti!!

    Il rischio che vedo è che ora tutte le regioni vogliano riaprire per non “rimanere indietro”.
    Qui si gioca con la vita dei cittadini per i soliti giochi di palazzo!!!

    Noi abbiamo un governatore che storicamente è sempre saltato sulla carrozza più conveniente: l’ultima è quella di Salvini, con cui ha vinto le regionali in Sardegna. Chiaramente…Lega Sardegna, perché loro ci vogliono aiutare…loro amano il Sud…non ci hanno mica insultato per anni
    Uno schifo!!! E assurdo che tanti miei conterranei abbiano affidato il governo a gente simile…basito!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.