Frusta la moglie con una ciabatta elettrica, arrestato dai carabinieri

L'episodio è successo a Catanzaro, per fortuna la donna è riuscita a chiamare i carabinieri

La violenza è nata da un litigio: prima la discussione e poi l’aggressione.

0

Ennesimo caso di violenze domestiche, ennesimo caso di un marito che picchia la propria moglie. Questa volta siamo a Catanzaro, nel quartiere Lido, dove nel corso di un litigio un uomo di 51 anni, dapprima alza il tono della voce, poi passa alle maniere forti e frusta la moglie con una ciabatta elettrica. Ma per fortuna la donna è riuscita a salvarsi dall’aggressione, grazie al tempestivo intervento dei carabinieri.




Marito frusta la moglie, ma i militari dell’Arma la salvano

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Catanzaro erano impegnati in un giro di ricognizione per il controllo della zona, quando la Centrale Operativa ha ricevuto una telefonata di pochi secondi, con cui una donna chiedeva in maniera confusionaria l’aiuto delle forze dell’ordine. Poi però la linea è di colpo caduta e in centrale si sono subito mobilitati per rintracciare il luogo da cui era partita la chiamata. E così, dopo alcuni minuti, la pattuglia dei carabinieri si è recata presso un condominio di Catanzaro Lido, dove hanno trovato la porta dell’abitazione aperta e una scena agghiacciante: l’uomo in piedi e la donna riversa sul pavimento, piangente e dolorante.




L’intervento dei carabinieri

I carabinieri hanno allontanato i due coniugi e hanno aiutato la donna, ancora sotto shock, a rimettersi in piedi. Hanno poi chiesto cosa fosse successo e lei ha raccontato che, a seguito di una discussione, l’uomo ha perso in pochi secondi il lume della ragione e ha iniziato a picchiarla, calpestandole la nuca e frustandola con una ciabatta elettrica. La donna, forse nel tentativo di scappare, ha aperto la porta dell’abitazione, ma il marito l’ha trascinata dai capelli. Per fortuna l’esito non è stato un femminicidio, poiché la breve e concitata telefonata della donna ai carabinieri è risultata decisiva. Dopo aver acquisito le sue dichiarazioni, i militari l’hanno accompagnata presso l’ospedale per farla curare, dove i medici hanno riscontrato lesioni guaribili in 5 giorni.




L’arresto

I carabinieri hanno anche ispezionato l’abitazione, sequestrando la ciabatta elettrica usata come frusta e rinvenendo diversi cocci di vasi in frantumi. L’uomo E.F.M., un marocchino di 51 anni, è stato arrestato dietro disposizione dell’Autorità giudiziaria per maltrattamenti in famiglia. Quella con la ciabatta elettrica è stata l’ultima di una serie di aggressioni verbali e fisiche ai danni della moglie (anch’essa marocchina). Ora il marito si trova nella camera di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Catanzaro, nei suoi confronti è stato approntato l’allontanamento dalla casa familiare.

Carmen Morello

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi