Funzioni cerebrali, alcune possono migliorare con l’età

Funzioni cerebrali, non tutte sono pensate per diminuire con l’età

I cambiamenti cognitivi come la lieve dimenticanza sono spesso una parte normale dell’invecchiamento. Gli anziani possono scoprire che ci vuole più tempo per ricordare un fatto o imparare una nuova abilità. Il rischio di demenza aumenta con l’invecchiamento. Ad esempio, il numero di persone con malattia di Alzheimer raddoppia circa ogni 5 anni oltre i 65 anni.

Ma non tutte le funzioni cerebrali sono pensate per diminuire con l’età. Le abilità cognitive che richiedono una pratica costante, come la comprensione e l’uso del linguaggio, sono solitamente ben conservate. I ricercatori si sono chiesti se alcune abilità cognitive possano effettivamente migliorare con l’età.

Per esaminare più da vicino questa domanda, un team guidato dal Dr. João Veríssimo dell’Università di Lisbona in Portogallo e dal Dr. Michael Ullman della Georgetown University ha studiato più di 700 anziani di età compresa tra 58 e 98 anni. I partecipanti facevano parte del Social Environment and Biomarkers of Aging Study di Taiwan, che ha esplorato la relazione tra le sfide della vita e la salute mentale, fisica e cognitiva in età avanzata.

Lo studio effettuato sulle funzioni cerebrali

In una parte dello studio, le persone hanno fatto test computerizzati su tre aspetti dell’attenzione. Il primo era la preparazione a rispondere alle informazioni in arrivo (allerta). Il secondo era spostare l’attenzione su una particolare posizione (orientamento). Il terzo era il controllo esecutivo: la capacità di ignorare le distrazioni e concentrarsi sul compito da svolgere.




I ricercatori hanno misurato le differenze in queste tre abilità tra i partecipanti in tutta la fascia di età che hanno studiato. Si sono adattati a fattori come il sesso, l’istruzione e le abilità visive. Lo studio è stato finanziato in parte dal National Institute on Aging (NIA) del NIH. I risultati sono stati pubblicati il 19 agosto 2021 su Nature Human Behaviour.

I risultati dello studio sulle funzioni cerebrali

Nel complesso, l’aumento dell’età è stato associato a tempi di risposta più lenti. L’invecchiamento è stato anche associato a una minore attenzione alle informazioni in arrivo. Tuttavia, gli altri due aspetti dell’attenzione studiati hanno mostrato miglioramenti con l’età. I partecipanti più anziani avevano aumentato l’efficienza nella loro capacità di orientare l’attenzione verso oggetti diversi. Erano anche più bravi a ignorare le distrazioni rispetto ai partecipanti più giovani.

Queste due funzioni cerebrali conservate hanno mostrato traiettorie diverse nel tempo. La capacità di orientare l’attenzione è aumentata costantemente dalla mezza età all’età adulta. La capacità di ignorare le distrazioni e concentrarsi sulle informazioni rilevanti è aumentata a metà degli anni ’70, poi è diminuita. Tuttavia, i guadagni derivanti dalla vecchiaia precoce erano abbastanza sostanziali in modo che anche gli adulti più anziani non fossero peggiori nell’ignorare le distrazioni rispetto ai più giovani.

Conclusioni

Le persone hanno ampiamente confermato che l’attenzione e le funzioni esecutive diminuiscano con l’età, afferma Ullman. Ma i risultati dell’ ampio studio indicano che gli elementi critici di queste abilità migliorano effettivamente durante l’invecchiamento, probabilmente perché si praticano semplicemente queste abilità per tutta la vita.

I miglioramenti riscontrati nelle funzioni cerebrali possono avere benefici per le capacità cognitive di livello superiore, come il processo decisionale e la memoria a lungo termine. Sono necessarie ulteriori ricerche per vedere se il targeting di tali abilità potrebbe aiutare a proteggere dal declino cognitivo generale durante l’invecchiamento.

Agostino Fernicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *