Salvini risponde a Gabriella Nobile offrendole un caffè, la reazione della madre dei bambini africani

La commovente lettera di una madre che rivendica il dolore dei figli

Facebook cancella il suo post ma Gabriella Nobile non ci sta ad arrendersi

Gabriella Nobile
0

“Caro Salvini, sono una mamma adottiva di due splendidi bambini africani. Volevo ringraziarla perché sta regalando ai miei figli dei momenti di terrore davvero fuori dal comune”. Comincia così la lettera aperta di Gabriella Nobile postata su Fb e indirizzata a Matteo Salvini. E poi continua così:




“Mia figlia di 7 anni, prima di andare a letto mi chiede “ma se vince quello che parla male di noi mi rimandano in Africa?”. E piange disperata. Mio figlio invece prende l’autobus per andare agli allenamenti di calcio quasi tutti i giorni e da circa un paio di mesi mi racconta di insulti che è costretto a subire da suoi gentili simpatizzanti“.

Fonte: Facebook.com

Prima di leggere la seconda parte del post è bene fermarci a riflettere sul grado di disperazione che ha spinto questa donna a sfogarsi pubblicamente. Queste parole in poche ore sono diventate virali sul web tanto da aver raggiunto velocemente i 30mila like e oltre 20mila condivisioni. Gabriella Nobile è una mamma come tante altre, adottiva, di due bimbi di colore. E’ un’imprenditrice di 49 anni che vive a Milano che ha scelto il social dal punto di vista più comunicativo per urlare il suo sfogo.

 

Il post è stato poi subito cancellato da Facebook, si, ma non dalle menti e dalle considerazioni degli Italiani.
Fonte: Facebook.com

I suoi figli vengono insultati e derisi dai loro compagni e hanno paura che il signor Salvini possa vincere le elezioni 2018  perché sarebbe tragico per il loro futuro. Perché temono di dover ritornare al loro Paese. Perché immaginano la fine della spensieratezza come sta già accadendo. Questa madre coraggiosa e stanca attribuisce la sofferenza dei bambini al leader del Carroccio. Ella riconosce nell’intera azione politica della Lega, la causa unica del disagio dei figli.

La Nobile cita lo slogan del  partito leghista che a detta sua non fa altro che spargere odio e radicare ideali sbagliati e di matrice razzista nei giovani italiani del futuro, a scuola, per strada, sui campi sportivi. Già il signor Bossi con la sua guerra ai ‘terroni’ ci aveva abituati a questa orgia di ideali estremi e pericolosi; ma oggi giorno con Salvini si sta toccando il fondo. D’altronde è stato solo tolto il nome ‘nord’ dal nome del partito, ma la solfa fascista è la stessa. Questa vicenda chiaramente riapre la questione attualissima dell’immigrazione che è ormai diventata motivo di insanabile rottura e divisione dell’Italia spaccata in due dalle divergenti e antagoniste correnti umane, più che politiche. La signora dichiara in una intervista telefonica che in realtà i suoi figli ‘sono molto italiani’, parlano la lingua perfettamente e hanno tutte le abitudini e i costumi nostrani. “Molto più di me che sono pugliese“, aggiunge Gabriella nobile. Poi riferisce anche di aver ricevuto, dai genitori dei compagni di scuola dei figli, messaggi razzisti privati che la incolpano di incrementare l’immigrazione.

La lettera poi prosegue e accende i toni…




Dire ad un bambino di 12 anni, che oltretutto veste una divisa sportiva: sporco n…., n….. di mer…, torna a casa tua, venite qui rubare e ammazzare le nostre donne …….credo che sia la palese dimostrazione di come questo paese, grazie a persone come lei, stia lentamente scivolando nel baratro. Nei suoi ipocriti slogan “prima gli italiani“ c’è tutta l’ignoranza di colui che non ha ancora capito che l’italiano è colui che ama l’Italia non che ci è nato!”

E ancora

Come io sono mamma perché amo i miei figli e non perché li ho partoriti. Faccia la guerra a coloro che ci hanno ridotto al collasso. Benpensanti italici che hanno impoverito di cultura e di valori questo bellissimo paese facendo guerre contro i poveri, gli immigrati, i gay, i rifugiati ….. tutto per una sola bieca motivazione. Distogliere l’attenzione dalle malefatte (e non uso termini peggiori perché sono una Signora) che imperterriti continuate a perpetuare a chi in questo paese ci crede davvero.

Così Gabriella Nobile conclude la sua lettera. Le sue parole sono innegabilmente molto chiare ed espressive. Ovviamente nei commenti al suo post ce n’è per tutti i gusti! C’è chi la sostiene, chi la taccia di propagandista, chi la insulta, chi si astiene. E come in tutte le provocazioni e gli esposti pubblici ci si aspetta la risposta della parte accusata che non ha tardato ad arrivare.




 La risposta di Matteo Salvini su Fb

Una mamma che ha adottato due bimbi africani dice che i suoi figli hanno paura di me?
Sbaglia, lo dico con affetto, da papà.
Basterebbe che la mamma spiegasse ai suoi figli che io allontanerò dall’Italia delinquenti, clandestini e spacciatori, non certo i bambini!
Voglio un Paese più sicuro per tutti, soprattutto per i nostri figli. Questo mi chiedono non solo gli italiani ma anche tanti immigrati, regolari e perbene, che vivono in questo Paese.
Anzi, al governo lavorerò per rendere più veloci e meno costose le adozioni per le migliaia di coppie che attendono questa gioia da anni, non avendo 30.000 euro da spendere o anni per aspettare.
P.S. Visto che viviamo entrambi a Milano, sarei ben felice di offrirle un caffè al parco, mentre i nostri bimbi giocano insieme.”

Queste sono le parole del leader leghista per la Nobile in un post di poche ore fa che ha ottenuto altrettanti consensi e condivisioni. Purtroppo credo che il ping pong virtuale sia giunto al termine, visto che alla signora Gabriella Nobile il social Facebook ha bloccato totalmente il profilo negandole la possibilità di replica.

Claudia Marciano

 

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi