Gare di velocità: in pista vincono i neri, in vasca i bianchi

Usain Bolt il re della pista, Michael Phelps il re della vasca

La risposta di questa differenza è nella fisiologia?

Fonte: usainbolt.com
0

Chi ha seguito la prima edizione dei Campionati Europei appena conclusi l’avrà sicuramente notato: gli atleti più titolati nelle gare di velocità in pista sono neri, quelli in vasca invece sono bianchi. La risposta potrebbe trovarsi nella differente composizione corporea.

Salve, il mio nome è Barry Allen e sono l’uomo più veloce del mondo. Io sono… the  Flash!“.

Questa è l’affermazione con cui comincia le proprie avventura Flash, il supereroe della DC comics con il potere della supervelocità, che gli permette di andare più veloce della luce e viaggiare nel tempo. Ma nel mondo reale gli uomini più veloci non combattono il crimine ma si sfidano in gare olimpiche, cercando di superare i propri limiti.

Eppure, tra l’uomo più veloce in pista e l’uomo più veloce in vasca molto spesso vi è una differenza: il colore della pelle. Prendiamo ad esempio i risultati delle gare di velocità degli appena conclusi Campionati Europei:

  • In vasca Alessandro Miressi, italiano, ha vinto la medaglia d’oro nei 100m stile libero, percorsi in soli 48 secondi.
  • In pista invece il più veloce è stato Zharnel Hughes, inglese nato ad Anguilla, che ha percorso i 100 metri piani in 9 secondi e 95.

Un altro esempio ci è dato dalla storia: il più grande velocista di tutti i tempi è il giamaicano Usain Bolt, il più grande nuotatore l’inglese Michael Phelps.




La risposta della fisiologia

La differenza di velocità  in pista o in vasca dipende soprattutto dalla composizione corporea, in termini di ossa, grasso e muscoli. In particolare le fibre muscolari vengono suddivise in due tipi:

  • le fibre rosse, meno elastiche e ricche di mitocondri, sono responsabili di processi aerobi, ci mettono un po’ di tempo per sviluppare energia; sono tipiche degli atleti bianchi;
  • le fibre bianche, elastiche e povere di mitocondri, sono responsabili di processi anaerobi, veloci/immediati ma che si esauriscono presto; sono tipiche degli atleti neri.

In vasca e in pista: le differenze

Nel nuoto in vasca gli atleti di colore sono svantaggiati: hanno ossa più dense, meno grasso corporeo in percentuale, meno fibre rosse (estremamente utili nel nuoto, producono nel tempo molta energia) e più fibre bianche.

In pista invece la situazione si ribalta: nei bianchi la minor quantità di fibre bianche (sì, i bianchi hanno meno fibre bianche) gioca a sfavore nelle gare in cui serve energia immediatamente e per poco tempo.

Marco Giglia

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi