Gay Pride Torino 2019: nelle strade la lotta in festa

Le strade vengono invase di allegria. L’allegria della lotta e dell’espressione. Non è un popolo arrabbiato quello del gay pride, è un popolo che balla e un popolo che non reagisce con rabbia all’oppressione ancora vigente.

0

Sono ormai da anni feste partecipate e colorate che trasformano le strade principali delle città con straripante eccentricità. I gay pride sono divenuti un appuntamento fisso per molti. Sia per coloro i quali della lotta gay, transgender, Lgbt fanno una ragione di vita sia per coloro che simpatizzano o vogliono per un giorno soltanto colorarsi di libertà.

Le strade vengono invase di allegria. L’allegria della lotta e dell’espressione. Non è un popolo arrabbiato quello del gay pride, è un popolo che balla e un popolo che non reagisce con rabbia all’oppressione ancora vigente.

Anche Torino è stata investita dal vento pride. Tante le organizzazioni aderenti, tante le persone che componevano il corteo. “Il Torino Pride è dichiaratamente internazionalista e intersezionale. Il superamento di confini, sbarramenti e steccati non è infatti soltanto legato alla liberazione di persone e comunità segregate, compresse o discriminate – si legge sul sito torinopride.it – Lo sguardo sul mondo, avvolto dall’arcobaleno, dai sei colori della bandiera rainbow simbolo della comunità LGBT, propone un cambio di prospettiva. Confini e limiti non hanno nulla di naturale; visti dall’alto non si riconoscono che varianti armoniche di colori e forme, parti di un tutto”.

In onore dell’anniversario dei moti di Stonewall, dove tutto ebbe inizio, quest’anno il Piemonte Pride riunisce i 5 Pride della regione, quello di Torino, Alessandria, Asti, Novara e Vercelli. Uniti dagli stessi principi e dalle stesse battaglie, il Pride sconfina ogni anno oltre quei confini mai troppo delineati.

Ancora tante le richieste inascoltate del popolo del Gay Pride

Sono ancora molte le richieste insoddisfatte in merito ai diritti civili e sociali. In Italia, i progressi in questo campo sono scarsi e continuamente minacciati. L’attuale governo si è posto in netta contrapposizione rispetto alle istanze della comunità LGTBQI, manifestandosi difensore di un modello di famiglia non più applicabile alla società odierna. Dal punto di vista legislativo, l’Italia è pressoché sguarnita, eccetto l’incompleta legge sulle unioni civili e la legge del 1982 sul cambio di genere per le persone transessuali.




I Pride danno voce a queste istanze, cui si uniscono quelle di altri gruppi e individui discriminati. Si distruggono muri, si oltrepassano confini al ritmo di una festa. Quale miglior modo di rompere con la quotidianità e i rituali di una città e dei suoi cittadini se non invadendo le strade con ostinata allegria?

Giulia Galdelli

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi