Germania: arrivano i primi rifugiati di Moria

La Germania ancora in prima linea nell’accoglienza dei migranti: Angela Merkel continua ad aprire le porte ai profughi, in particolare dai campi in Grecia, ma è più cauta rispetto al 2015 per disinnescare le critiche dell’AfD.

Di tutti i paesi europei, la Germania è quella che rilascia il maggior numero di diritti di asilo. E accoglie i minori, malati o non accompagnati. Il 15 settembre, il governo Merkel, in prima linea nei Ventisette, ha annunciato che avrebbe accolto 1.553 rifugiati da cinque isole greche. Cinque anni dopo che la cancelliera Angela Merkel ha aperto le porte della sua nazione ai rifugiati siriani. Ma per molti, al di là del Reno, il racconto non c’è.

Gli incendi che hanno distrutto il più grande campo profughi della Grecia, ha lasciato circa 13.000 persone, già disperate, senza alcun riparo. Oltre a sollevare nuovi interrogativi sulle responsabilità collettive dell’Europa nei confronti dei migranti. Le autorità tedesche hanno finora insistito sulla necessità di trovare una soluzione a livello europeo a questa spinosa questione che divide i Ventisette dal 2015.

Nel frattempo, i rifugiati di Moria ospitati dalla Germania saranno principalmente famiglie con bambini. Riconosciuti, dalle autorità greche, come rifugiati. Berlino ha già provveduto alla cura di 100-150 minori non accompagnati evacuati dal campo di Moria, nell’ambito di un’iniziativa franco-tedesca. Sono però necessari criteri e prerequisiti per decidere chi è autorizzato ad entrare in Germania e chi invece deve continuare a vivere nei campi profughi locali.

I primi rifugiati di Moria: minorenni

Sono arrivati ​​in Germania i primi rifugiati di Moria, minorenni. Secondo il ministero federale degli interni, un aereo dalla Grecia è atterrato ad Hannover in mattinata. A bordo c’erano 51 migranti minori non accompagnati che erano stati portati nella Grecia continentale dopo l’incendio a Moria, sull’isola di Lesbo.

Ora dovrebbero essere distribuiti a diversi stati federali. Insieme ai giovani, 17 bambini bisognosi di cure dai campi profughi greci sono stati portati in Germania con i loro familiari più stretti. In totale ci sono 88 persone.




Appelli per accogliere più persone

Dopo l’incendio nel campo profughi di Moria sull’isola di Lesbo, c’è stata un’impressionante ondata di solidarietà da parte della società civile tedesca per i rifugiati. Il messaggio era chiaro. Semplicemente non può esserci un trattamento così indegno di coloro che cercano protezione in un’Europa.

Va sottolineato che l’Europa è unita non solo dalla cooperazione economica, ma dai suoi valori condivisi. Ai sensi dell’articolo 2 del trattato sull’Unione europea. L’organizzazione è stata fondata non solo sui valori di libertà e democrazia, ma anche sul rispetto della dignità umana. Dei diritti umani e dei diritti delle minoranze. I valori condivisi dell’Europa sono la pietra angolare della sua esistenza.

È quindi importante che questa solidarietà della società civile sia ora seguita dall’accoglienza concreta dei rifugiati. L’incendio e le sue conseguenze sono state e sono una catastrofiche. Il primo soccorso di emergenza era rivolto alla popolazione locale. Allo stesso tempo, speriamo che l’Europa si svegli finalmente e insieme per le persone che cercano protezione, creano soluzioni e prospettive.

 

Felicia Bruscino

One thought

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *