Ginevra, la legge sul secolarismo subisce una battuta d’arresto giudiziaria

In seguito a diversi ricorsi, la Corte di Giustizia di Ginevra ha annullato un articolo della legge sul secolarismo di Stato (LLE 11764), che vieta i simboli religiosi per i funzionari eletti del Gran Consiglio e dei consigli comunali.

Ginevra, Svizzera
0
Tornano i segni religiosi nei legislativi  di Ginevra: la neutralità religiosa, richiesta ai rappresentanti eletti è stata revocata

La libertà di religione è un diritto fondamentale garantito dalla Costituzione svizzera. E i parlamentari non rappresentano lo Stato ma la società. La Camera costituzionale di Ginevra ha ricordato questi due principi e ha ammesso in parte sei ricorsi. Annulla un’importante disposizione della legge sul secolarismo accettata dal voto popolare il 10 febbraio 2019.

Questo è il paragrafo che proibisce ai membri del Gran Consiglio e dei consigli municipali di denunciare la loro appartenenza religiosa con parole o segni esterni. In nome della neutralità dello Stato. D’altra parte, l’esecutivo – consiglieri di stato e consiglieri amministrativi – continueranno a essere tenuti ad evitare ogni sospetto colpevole. Così come i magistrati giudiziari e i funzionari pubblici in contatto con il pubblico.

I referendari potrebbero presto annunciare un ricorso al Tribunale federale su questo argomento. La corte ha anche rilassato l’articolo che vieta il culto di dominio pubblico.




Vince la visione secondo cui i parlamentari rappresentano la società nella sua diversità piuttosto che lo Stato. Indipendentemente dalla nostalgia per un’identità nazionale uniforme. Secondo la Corte, imporre agli organi legislativi la totale neutralità della denominazione minerebbe anche il principio democratico. Un principio che impone ai Cantoni di avere, tra l’altro, un parlamento eletto a suffragio universale. I membri del parlamento dovrebbero rappresentare diverse correnti di opinioni, come anche quelle religiose.

Il divieto contenuto nella legge creerebbe, inoltre, una regola di incompatibilità religiosa proibita, impedendo a chi dimostra la sua appartenenza religiosa di accedere ad una carica elettiva . Mentre il secolarismo non si presenterebbe più come condizione d’accesso a queste funzioni .

Tuttavia, la legge approvata a febbraio, ha impedito a chiunque avesse un’affiliazione religiosa di accedere a un mandato politico. Quindi il secolarismo non si presenterebbe più come condizione d’accesso a queste funzioni .

In una società pluralistica, coloro che trovano intollerabile vietare i segni religiosi sono vicini a quelli che non lo considerano serio. Tuttavia, quando la posta in gioco è bassa (o inesistente) in termini di interesse pubblico, un divieto serve solo a creare opposizioni fondamentali su questioni che non lo sono.

Ricorsi multipli

Questa decisione priva la legge sul secolarismo di una delle sue principali questioni ed è stata controversa. Era proprio sulla questione dei simboli religiosi degli eletti – incluso il velo in particolare – che la classe politica era stata tagliata e contro la quale erano stati presentati i ricorsi.

Nell’aprile 2018, il parlamento di Ginevra di destra ha votato a favore di questa controversa legge. Ma l’estrema sinistra, i Verdi, le organizzazioni femministe e i gruppi musulmani avevano raccolto abbastanza firme per ottenere un voto popolare. Il 10 febbraio 2019, col 55,05% dei voti favorevoli, attraverso un referendum Ginevra aveva appoggiato la legge.

La Camera costituzionale della Corte di giustizia aveva ricevuto sei ricorsi per l’annullamento di diverse disposizioni della legge sul secolarismo. Dai Verdi, Solidarité, l’Unione delle organizzazioni musulmane, la Rete Evangelica nonché da diverse donne musulmane che indossano il velo. Sono state abrogate solo le norme relative ai rappresentanti eletti degli organi legislativi. Le altre sfide sono state respinte.

I consiglieri di stato e i funzionari pubblici sono quindi sempre tenuti alla neutralità religiosa nell’esercizio della loro funzione. Il governo sarà inoltre autorizzato a limitare o vietare, per un periodo limitato, l’uso di simboli religiosi ostentati al fine di prevenire gravi perturbazioni dell’ordine pubblico.

Garantire la libertà di coscienza

Dalla parte dei difensori della legge sul secolarismo, come il deputato del PLR Jean Romain, vi è un stato di profondo rammarico. La Camera usa l’argomento della milizia per affermare che i rappresentanti eletti rappresentano la società. Ciò è falso, almeno per il presidente del Gran Consiglio, per il vicepresidente e per i cinque membri dell’Ufficio di presidenza.

Jean Romain sostiene che non è il membro che incarna lo Stato, ma è il luogo in cui svolge la sua funzione che lo incarna e che deve quindi rimanere laico. Ed è evitando i segni di appartenenza religiosa che la libertà di coscienza è assicurata per tutti.

La giustizia rilascia anche l’articolo di legge che proibisce manifestazioni religiose di dominio pubblico. In particolare, i giudici hanno respinto un punto della legge che consentiva il culto di dominio pubblico solo in modo “eccezionale”. Al contrario, hanno ritenuto che tali manifestazioni dovessero essere vietate solo in caso di minacce di “gravi perturbazioni dell’ordine pubblico e della sicurezza”.

 

Felicia Bruscino
Photo by Xavier von Erlach on Unsplash

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi