Giorgia Meloni e il contestatore di Cagliari, confronto irrealistico?

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Giorgia Meloni e Marco Marras hanno dato vita a un confronto orale tanto civile e pacifico da essere ritenuto progettato. La critica popolare si divide: è stata un’utopia teatralizzata o un semplice rapporto gentile tra menti intelligenti?

Cosa si nasconde dietro l’apparenza dell’aspirabile ordinarietà?  Può uno splendido esempio di buone maniere essere commentato con dubbia maldicenza e con certo disprezzo?

Sarà la forza dell’abitudine al selvaggio o al fittizio verificato, sarà la voglia di far cattiva propaganda; sarà quel che sarà la ragione dell’ipotesi, ma la congettura esposta è di una mera esagerazione. Lo comprova lo studio del contesto e delle idee delle due parti, secondo i pregressi ben più vecchie di qualche giorno. Lo testimonia qualsiasi indizio che voglia trovarsi sulla scena, inverosimilmente frutto della caricaturata dei personaggi.

Riavvolgiamo il nastro per spiegare le tesi a favore del “benevolo accaduto”.



Giorgia Meloni “disinnesca” con garbo: è intrigo

Giorgia Meloni è a Cagliari e sta relazionando in un comizio. Innanzi a lei è schierata una folla di “fratelli”, comunemente assenzienti alle sua parole; dietro le quinte un’altra  agitazione, quella emozionata ma controllata di un oppositore.

A un certo punto l’atto, fattualmente illegale. Sorprendendo la sicurezza, un ragazzo scavalca le transenne e, armeggiando una bandiera variopinta, sale sul palco avvicinandosi alla leader. Inizia il breve incontro: il giovane è animoso, ma non eccentrico; Meloni è visibilmente sorpresa, turbata, ma non maleducata.

Si scambiano le battute. La romana scossa: “Me la vuoi dare? Che vuoi fare? Mi vuoi dare la bandieraNon devi scappare all’estero, tu vuoi delle cose. Tutti vogliamo delle cose. Certo. Io e te la pensiamo in modo diverso“. Poi cauta: “Io voglio il diritto di pensarla in maniera diversa. È la democrazia. Si può non essere d’accordo. Io e te non siamo d’accordo e ci rispettiamo non essendo d’accordo. Grazie per essere salito qui. Hai le unioni civili, puoi fare quello che vuoi. Grazie“.

Infine apprezzatrice: “Gli facciamo un applauso, io rispetto il coraggio delle persone di difendere quello in cui credono. Lo voglio ringraziare per essere salito sul palco e rivendicare quello che ritiene giusto. È una vita che ho il coraggio di difendere quello in cui credo“.

In evidenza il tradizionale corso di una reazione naturalmente impasticciata: Giorgia si innervosisce, Giorgia si quieta, Giorgia plaude elegantemente.

Marco Marras è un improvvisatore?

Non possiamo sapere se Marco Marras sia stato un improvvisatore. Il coraggioso potrebbe aver agito d’istinto o sulla progettazione propria; difficilmente seguendo la pianificazione altrui.

Ad avallare i due casi più probabili, le verità sul suo passato. Marco è uno studente di 24 anni in uscita dall’Accademia di Belle Arti di Sassari; è omosessuale e dichiara di voler andar via dell’Italia per le mancanze di libertà che percepisce effettive in merito al suo stato.

Lui si riconosce e viene riconosciuto attivista, per gli amici è un praticante mansueto e ragionevole. Un lottatore spesso in ombra, alla sua prima battaglia in luce. Con Meloni il solo caso di una mostra plateale, mediaticamente potente; ma come si può dire, senza sapere dei precedenti, che sia stato l’unicum di un attore?

Si evince così dai trascorsi che: Marras potrebbe essere stato un figurante  solo se da figurante avesse condotto anche il resto della sua vita prima dell’incontro con la leader.

Gabriele Nostro 

 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.