Glenner City sarà la città dedicata ai malati di alzheimer

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Nel 2018, a San Diego, sarà accessibile per i malati di alzheimer Glenner City, la città stile anni ’50 in cui i pazienti potranno rivivere la loro giovinezza.

Una città in pieno stile anni ’50 dedicata ai malati di alzheimer. Questo è il progetto su cui sta lavorando la Glenner Center, associazione che da 35 anni si occupa di persone con disturbi di memoria attraverso i suoi centri situati a San Diego.

Ora l’obiettivo è un po’ più grande, una mini città, per l’appunto, chiamata Glenner City, composta da circa sei quartieri, in cui si può trovare tutto l’intrattenimento e i servizi che vengono offerti quotidianamente dalle città “reali”. Bar, gelaterie, ristoranti, cinema, il centro storico, la biblioteca comunale, il municipio, il cinema, l’ospedale, la posta, il parrucchiere, non mancherà proprio nulla. Tutto rigorosamente stile anni ’50, i pazienti che abiteranno in questa città del passato per alcune ore al giorno, potranno effettivamente usufruire dei servizi offerti da questa città come andare al cinema a vedere un film (la pellicola che verrà trasmessa sarà Singin in the rain), andare dal parrucchiere e farsi fare una bella e vaporosa acconciatura anni cinquanta, mangiare un gelato o un hamburgher. Strettamente controllati e sorvegliati da personale professionista ed esperto, i pazienti potranno vivere e godere per un po’ della loro vita passata. Tutto questo perché, solitamente, il periodo degli anni ’50 costituisce per la maggior parte dei malati di alzheimer la loro giovinezza, i loro felici e fiorenti anni da ventenni; è il periodo in cui si sono formati i ricordi più forti. È la terapia del ricordo e il paziente attraverso essa migliora la qualità della vita, l’attenzione, l’umore e il ragionamento. Secondo l’amministratore delegato della George G. Glenner, Scott Trade, il quale gestirà anche questa nuova struttura, “I ricordi a breve termine sono i più colpiti dalla malattia di Alzheimer rispetto alla memoria a lungo termine. Creare un ambiente familiare permette di rivivere un’esperienza benefica per i partecipanti e le famiglie”.

La Glenner City sarà inaugurata nell’aprile 2018. Le famiglie potranno lasciare i loro cari dalle 8.00 fino alle 19.00 e potranno anche partecipare a questo “tuffo nel passato” insieme a loro. La città potrà ospitare 75 pazienti (ogni 5 pazienti vi sarà 1 assistente che li controlla e supervisiona) e il costo al giorno sarà di 95 dollari.

Giulia Simeone

 

Stampa questo articolo

2 Thoughts

  1. Ciao a tutti, vi consiglio questo articolo che descrive l’importanza di 30 minuti al giorno di attività fisica per la nostra salute fisica ma soprattutto psichica. Scegliete voi come.. yoga, una passeggiata, ginnastica dolce 😉 Leggi qui https://goo.gl/JqMCjb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *