Gli antichi sistemi idrici del Perù potrebbe tornare in vigore nell’era moderna

Nelle Ande tropicali, le culture pre-Inca hanno sviluppato tecnologie di raccolta dell'acqua, basate sulla natura, per gestire i rischi di siccità in condizioni climatiche naturali estreme.

Highlands, Cusco, Peru
0
Il Perù detiene oltre il 70% dei ghiacciai tropicali del mondo. Lungo la distesa della Cordillera Blanca,  più di 250.000 persone dipendono dai ghiacciai per l’ approvvigionamento di acqua.  Gli antichi sistemi idrici del Perù, costruiti prima dell’Impero Inca, potrebbero tornare in vigore nell’era moderna. Aiutando così il paese a gestire la carenza idrica.

Secondo uno studio dell’Imperial College di Londra, la tecnologia Pre-Inca potrebbe essere utilizzata per incrementare le scarse risorse idriche del Perù. La regione costiera del Paese, che comprende la capitale Lima, ha uno dei sistemi di risorse idriche meno stabili al mondo.

Una combinazione di cambiamenti climatici e popolazione in rapida crescita di Lima ha esacerbato il problema, il che significa che la città fatica a fornire acqua ai suoi 12 milioni di residenti. Da maggio a ottobre. Tuttavia, i ricercatori dell’Imperial College e dell’Iniziativa regionale per il monitoraggio idrologico dell’ecosistema andino del Sud America hanno rivelato che gli antichi sistemi idrici del paese potrebbero fornire una soluzione.

Antica ingegneria

Lo studio si concentra sulle aree desertiche del Perù costiero che dipendono fortemente dai corsi d’acqua derivanti dalle Ande. Un grosso problema è che quei flussi non hanno un flusso d’acqua costante e quindi non forniscono acqua durante la stagione secca. Per risolvere questo problema, antichi ingegneri hanno costruito il sistema di canali di cui sopra che immagazzinava la quantità eccessiva di acqua nelle sorgenti naturali.

I canali che erano fatti di pietra e terra, erano meno permeabili del terreno naturale ed erano in grado di trasportare grandi quantità di acqua alle sorgenti. L’acqua è immagazzinata nei suoli e viaggia molto più lentamente sotto la superficie di quanto non fluisca via terra. Come ha affermato il dottor Boris Ochoa-Tocachi, ricercatore post-dottorato presso l’Imperial College di Londra.

Attualmente, la maggior parte di questi canali sono abbandonati. Tuttavia, ci sono ancora alcune comunità locali che ne usano 11 per rifornire d’acqua 65 sorgenti e 14 laghi. Inoltre, alcune organizzazioni locali hanno preso l’iniziativa di ottimizzare le prestazioni dei canali principalmente utilizzando il calcestruzzo per ridurne la permeabilità.

Gli autori hanno esaminato le prestazioni di un canale ancora in funzione per scoprire che circa il 50% dell’acqua piovana viene catturata. Pertanto, hanno concluso che il sistema è ancora altamente efficace, almeno per le piccole comunità.

Lo scopo finale dei ricercatori è quello di implementare una tecnica simile per risolvere il problema della carenza idrica nelle grandi città con una grande popolazione. Attualmente, Lima, la capitale del Perù, ha bisogno di un eccesso di 43 milioni di m 3 per soddisfare il suo fabbisogno idrico durante la stagione secca e, quindi, l’approccio antico potrebbe affrontare la questione.

La sfida è la scalabilità

La sfida è la scalabilità per stimare gli impatti regionali per una popolazione molto più ampia nelle pianure e nei centri urbani. I ricercatori hanno simulato un sistema di canali collegato al bacino del fiume Rimac che fornisce acqua a Lima. Hanno poi condotto analisi al computer. I risultati mostrano che, applicando il sistema, il flusso d’acqua aumenterà in media del 7,5%. Durante la stagione secca. Tuttavia, l’approvvigionamento idrico non sarà distribuito uniformemente.

I primi 2 mesi subiranno un aumento del 33% mentre il periodo successivo sarà leggermente influenzato. E’ stato osservato che i volumi di acqua seguiranno una curva che raggiunge il picco dopo due mesi e che viene sostenuta anche otto mesi dopo. Il tempo medio di permanenza dell’acqua all’interno dei suoli è di 45 giorni. Il che significa che se un’unità di acqua viene infiltrata nel giorno 0, metà di questa unità uscirà entro i primi 45 giorni. E, l’altra metà uscirà dopo 45 giorni , ma fino a 10 mesi dopo l’infiltrazione iniziale.

 




Ciò significa che l’acqua emergerà in modo non uniforme. Ovvero più acqua nei primi mesi e meno acqua nei mesi successivi. Come spiega il dott. Ochoa-Tocachi. Secondo i risultati, 99 milioni di m3 di acqua verranno deviati sul fiume Rimac implementando il sistema di canali.

Tuttavia, secondo il dott. Ochoa-Tocachi, né le autorità locali né il governo peruviano sono pronti a investire nel sistema dei canali. Sebbene le ONG locali (organizzazioni non governative) si siano interessate a ripristinare alcuni dei canali. L’utility SEDAPAL di Lima è ancora più riluttante a investire in questo tipo di infrastruttura.

 

Felicia Bruscino
Photo by Adrian Dascal on Unsplash

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi