Gli astronomi hanno identificato uno dei più antichi protocluster di galassie

Si tratta di una raccolta di 12 galassie che esistevano circa 13,0 miliardi di anni fa. Questa scoperta suggerisce che grandi strutture come i protocluster esistevano già quando l'Universo aveva solo circa 800 milioni di anni, il 6% della sua età attuale.

0

Con l’aiuto di numerosi potenti telescopi, un team internazionale di astronomi ha identificato il primo protocluster di galassie mai trovato. Una raccolta di 12 galassie che esistevano circa 13,0 miliardi di anni fa. Quando l’universo aveva appena 800 milioni di anni; il 6% della sua età attuale. Una delle galassie è un oggetto gigante, noto come Himiko, scoperto un decennio fa dal telescopio Subaru.

Nell’universo attuale, i cluster di galassie possono contenere centinaia di membri, e i più piccoli ammassi possono organizzarsi per formare super-ammassi. Le più grandi strutture del cosmo. I modelli suggeriscono che ci sono 10 milioni di supercluster osservabili nell’universo.

Dato che la loro formazione è ancora un mistero, gli astronomi per comprenderla cercano possibili progenitori nell’universo antico.

Yuichi Harikane, membro del JSPS dell’Osservatorio astronomico nazionale del Giappone spiega: “Un protocluster è un sistema raro e speciale con una densità estremamente alta e non facile da trovare. Per superare questo problema, è stato usato un ampio campo visivo del telescopio Subaru per mappare una vasta area del cielo e cercare protocluster.

z66OD

Nella mappa dell’Universo realizzata dal telescopio Subaru, il team ha identificato il protocluster designato come z66OD. All’interno di cui le galassie sono 15 volte più concentrate del normale per quell’epoca.

Gli astronomi hanno completato le osservazioni di follow-up usando l’Osservatorio Weck Keck e il Gemini North Telescope. Confermando così 12 galassie che esistevano 13,0 miliardi di anni fa, rendendolo il primo protocluster finora conosciuto.

È interessante notare che una delle 12 galassie in z66OD era un oggetto gigante con un enorme corpo di gas, noto come Himiko.  Individuato dal telescopio Subaru nel 2009. “È ragionevole trovare un protocluster vicino a un oggetto enorme, come Himiko. Tuttavia, la sorpresa è vedere che Himiko non al centro del protocluster. Ma ai margini di 500 milioni di anni luce dal centro. Non si capisce ancora perché Himiko non si trovi al centro.

Questi risultati saranno una chiave per comprendere il rapporto tra ammassi e galassie di massa, come ha dichiarato Masami Ouchi. Membro del team dell’Osservatorio astronomico nazionale del Giappone e dell’Università di Tokyo.

Protocluster in espansione

Le ultime osservazioni suggeriscono che i 12 membri del protocluster sono in atto di espansione. Gli astronomi hanno misurato alti tassi di formazione stellare all’interno di ciascun membro galattico. La formazione accelerata di stelle in ciascuna galassia è alimentata da una fitta riserva di gas. Sorprendentemente, il protocluster non sembra ospitare una massiccia galassia polverosa, ritenuta una caratteristica di tutti i primi ammassi di galassie.

Anche se non è stata ancora trovata una galassia simile in z66OD, le osservazioni future, ad esempio con la matrice Atacama Large Millimeter / submillimeter, ALMA, in Cile, dovrebbero rivelare più della struttura di z66OD.

 

Felicia Bruscino
Photo by Brett Ritchie on Unsplash

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi