Gli Hunza, i detentori della longevità: una storia tra mito e realtà

L'uomo è sempre stato ossessionato dalla ricerca dell'elisir di lunga vita, forse qualcuno può darci dei consigli utili

Alcuni dicono che è una bufala, mentre altri sostengono questa storia con furore. Il popolo Hunza però esiste davvero e ha qualcosa di importante da insegnarci. Forse non conoscono il segreto per l’immortalità ma della longevità sicuramente.

0
gli hunza
La valle e il fiume Hunza

Gli Hunza, o anche conosciuti come Burusci, vivono nella valle dell’Hunza, luogo situato nello Stato del Pakistan. Questa tribù è formata da circa 10.000 persone ma si è registrata la presenza di 300 membri della loro comunità anche in India. La loro storia è molto particolare e a volte costellata di misteri e leggende. La questione di cui si sente più spesso parlare però è la loro longevità.

Gli Hunza, la scoperta

Il popolo Hunza ha sempre abitato sulle rive del fiume “Hunza” che scorre lungo le valli Pakistane, ma è solo dal 1878 che gli occidentali ne conoscono l’esistenza. Il primo uomo ad interessarsi a questa straordinaria popolazione è stato il colonello dell’esercito britannico e anche naturalista John Biddulph.

Quest’uomo, rimasto affasciato da ciò che ha incontrato ha deciso di scriverne un libro dal titolo “Tribes of the Hindoo Kush”, pubblicato nel 1880. All’interno del suo libro si preoccupa di raccontare le tradizioni e le abitudini di questo popolo. Ma soprattutto non dimentica di citare il loro aspetto. Bello, sano e forte.

Anche il medico militare britannico Robert McCarrison nel 1904 rimane colpito dal loro aspetto ma soprattutto dalla loro incredibile prestanza fisica. L’uomo dichiara di essere stato in quella zona per circa dieci anni e conferma la presenza di persone che hanno superato di gran lunga l’età di cento anni. Ma soprattutto evidenzia l’assenza di malattie.



Altri studiosi

Nel corso degli anni moltissimi studiosi si sono occupati di studiare i motivi della longevità di queste persone. Negli anni ’50 il geologo statunitense John Clark decide di abitare due anni insieme a questa incredibile popolazione. Rivela però al mondo una realtà un pò diversa da quella che si è sempre sentita.

L’uomo racconta che gli Hunza in realtà non avevano un’anagrafe con il quale tenere il calcolo degli anni, per cui se ne davano sempre qualcuno in più. Ma questo non vuol dire che la loro popolazione non abbia una grande forza, intelligenza e pulizia. Anche se geologo afferma che avevano qualche malattia, sicuramente il loro stato generale è risultato migliore rispetto a tantissimi altri popoli.

Longevità Hunza

La longevità Hunza rispetto alla maggior parte dei popoli del mondo non è una finzione, ma una realtà accertata. Il loro segreto risiede nella natura e nel cibo. Forse alcuni non saranno sopresi, ma altri sicuramente sì. Tanti si chiederanno, per vivere tanto a lungo basta avere un certo tipo di alimentazione? Ebbene, pare proprio di sì, ma non sono solo gli Hunza a dirlo. Questo popolo, a tratti misterioso, ci svela alcuni piccoli segreti che possono fare davvero la differenza.



La dieta della longevità

La dieta degli Hunza è il loro segreto per rimanere sani, forti e longevi. Il territorio in cui vivono gli permette di avere una dieta piuttosto ricca di vegetali, frutta e pochissima carne ma soprattutto di fare molto esercizio fisico. Gli unici animali con i quali non hanno difficoltà nell’allevamento sono le capre e piccole vacche. Gli Hunza consumano formaggio fresco e mai stagionato, la loro principale fonte di grassi sono la frutta secca e soprattutto le albicocche essiccate, di cui fanno anche un succo speciale. I semi delle albicocche vengono usate anche per produrre dell’olio.

La base della loro alimentazione è composta da cereali, miglio, orzo, grano saraceno, tanta verdura, legumi e frutta che varia a seconda della stagione. Insomma queste persone sono abituate a consumare sempre cibi molto sani. Presso di loro non esistono prodotti confezionati con conservanti. Inoltre le calorie che assumono generalmente non superano mai le 1900.



Studi medici

Alcuni studi medici tra cui quello del medico statunitense Alexander Leaf, pubblicato sul National Geographic nel 1973, spiega che il motivo per cui gli Hunza sono piuttosto sani e longevi lo devono a tutto quello che non mangiano. Ovvero carne, latticini, vegetali troppo cotti e grassi saturi. Leaf dichiara che in mezzo a quel popolo non era presente neanche una persona in sovrappeso o denutrita.

Per cui possiamo concludere che il segreto della longevità è una dieta sana composta per la maggior parte da cereali integrali, verdura, frutta e tanto movimento. Che il popolo Hunza sia di ispirazione per tutti. Che tutti decidano perciò di condurre una dieta sana e una vita lunga.

Rebecca Romano

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi