Gli Uccelli di Alfred Hitchcock torna in versione restaurata

Gli Uccelli, uno dei più grandi capolavori del genio inglese, da ieri nelle sale, dopo un lungo lavoro di restauro.

Foto immagine copertina; La Scimmia pensa
0

Gli Uccelli stanno tornando e sono agguerriti più di prima.

Il film divenuto manifesto di un linguaggio cinematografico a metà tra horror e thriller, e marchio di fabbrica del genio Alfred Hitchcock, è tornato ieri nelle sale in versione restaurata, ad opera della Cineteca di Bologna. L’opera del maestro inglese del Thriller è stata riportata a nuova vita, grazie al progetto “Il Cinema Ritrovato” per dare alle nuove generazioni la possibilità di immergersi, per una sera, all’interno di quella smisurata fantasia apocalittica”, come l’ha definita il critico americano Jonathan Rosenbaum, di cui Hitchcock si nutriva, scavando in fondo alle ossessioni e alle visioni di un inconscio ricco di fascino, azione, adrenalina e naturalismo esoterico.

Tratto dall’omonimo romanzo di Daphne Du Maurier pubblicato nel 1953, Gli Uccelli esce nel 1963, consacrando una semisconosciuta Tippi Hedren a diventare una delle muse più caratteristiche del grande regista.

 

LocandinaLa giovane attrice non ne uscì particolarmente felice da quella prima esperienza, ma lo stesso Hitchcock l’avrebbe scelta successivamente come  protagonista per Marnie. Un esperimento nato da una serie di prove e improvvisazioni , volte a mettere per la prima volta in scena il confronto fra esseri umani e animali, in un teatro d’azione fatto di strade, paesaggi e spazi interni, dove entrambe le specie diventano attori e protagonisti. Per Gli Uccelli, Alfred Hitchcock è riuscito a servirsi di una potente macchina promozionale, volta a sottolineare l’arrivo di un nuovo genere cinematografico, definito più tardi da Bill Krohn “Disater Movie”, ma che avrebbe fruttato enormi guadagni nelle casse della Universal. Un lungo trailer rivolto a un pubblico, dove spiegare la natura rivoluzionaria di questo film: Gli Uccelli  intendeva focalizzarsi sulle relazioni tra uomini e animali, lasciando aperti diversi significati.

L’alternanza continua tra attacchi violenti e momenti di stasi, crea una dimensione emotiva inversamente dinamica: perciò se da un lato è possibile interpretare gli attacchi degli uccelli come una vendetta biblica dopo secoli di abusi, dall’altro Alfred Hitchcock sottopone lo spettatore a una propria riflessione sulla propria coscienza ambientale, la forza la paura di ciò che non conosce. Tutto è era motivato dal fatto che Hitchcock aveva già intuito il potenziale di attori non ancora divenute celebrità e che quindi non avrebbero avuto il tempo di rubare la scena ai veri protagonisti: ovvero Gli Uccelli.

 

In un certo è possibile definire Gli Uccelli come un film ambientalista, dove l’azione stessa dei volatili non viene proprio guidata, ma piuttosto è la macchina da presa a sfruttare i movimenti stessi dello stormo, veicolando in maniera discreta il volo in picchiata su di uno spazio che da umano diventa non luogo: non umano, non urbano, non vegetale; un altro mondo all’interno del quale non è detto che l’uomo ci dovrà far parte.

Fausto Bisantis

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi