Gli uomini sono tornati a cadere dal cielo

Vent’anni dopo la distruzione delle torri gemelle, gli uomini sono tornati a cadere dal cielo.

L’ho pensato, come tutti, vedendo quella terribile immagine scattata a Kabul. Il finale perfettamente circolare di un film hollywoodiano. Dalla pessima sceneggiatura, però. Fatta solo di buchi. Con troppi morti anche italiani. Nostri soldati mandati fino a là senza motivo. O solo perché le colonie, da sempre, forniscono truppe agli imperi. Il tutto dentro un copione mal scritto e non solo dagli americani.
Basta guardare alla Libia. Opera di un Occidente che invia ancora le cannoniere, ma che vive una fase “post-storica”. Cui resta facile distruggere, ma cui manca la stamina per ricostruire. I cui cittadini chiedono solo di non essere disturbati. La vera ragione del disastro afghano. Qualcuno cita Caporetto, come se fosse una sconfitta militare. Non è vero.
Le nostre truppe sarebbero potute restare, se le nostre società avessero voluto continuare a pagare il costo dell’occupazione. Ce ne andiamo per ragioni “elettorali” cui si unisce il calcolo strategico. L’Afghanistan torna a essere un vuoto. Cina, India, Russia, Pakistan, Iran e Turchia dovranno riempirlo e saranno cavoli loro. Una mossa astuta, ma che pagheremo cara.
Chi si fiderà di noi, dopo averci visti scappare così? Questo, senza considerare gli afghani che ci hanno aiutato. Le donne cui abbiamo offerto due decenni di quasi normalità e che riconsegniamo alla barbarie. Strillando “America first” o “prima gli italiani”. Convinti di poter badare solo ai “fatti nostri”. Come avremmo dovuto fare vent’anni fa, se proprio, quando i fatti nostri erano nella Penisola Arabica, da cui provenivano Bin Laden e i suoi finanziatori. Come non stiamo facendo mentre ci arrendiamo, prima di tutto, ai nemici che ci portiamo dentro. Quelli che pensano solo a come rispedire al loro paese i profughi afghani che riuscissero ad arrivare da noi.
Usando ragionamenti uguali a quelli che, negli anni 30, giustificavano la riconsegna alla Germania nazista degli ebrei in fuga. Perché, in fondo, un governo c’è. Perché non bisogna credere alle “esagerazioni”. E poi, diciamocelo, a certa nostra politica i talebani non possono dispiacere. Pare abbiano fede, tanta fede, e vogliono riportare la loro società indietro nel tempo. In fondo, lo stesso obiettivo di tanti che occupano il nostro parlamento. Vagheggiando il ritorno all’orbace. O perlomeno delle donne in cucina.

Daniel Di Schuler

One thought

  1. Ma perché devi dire tante sciocchezza caro Daniel?
    La ns società occidentale non è mai stata tanto femminilizzata come adesso. La femminilizzazione continua dagli anni 70 e se oggi ci ritroviamo così con i valori decadenti della nostra società il motivo è uno solo: il femminismo radicale che ha voluto la distruzione della famiglia (ricordi le frasi epiche di Linda Gordon?).
    Fine della famiglia e fine del maschio bianco etero a cui sono stati tolti due dei tre motivi esistenziali, cioè quello di Provider e Protector della famiglia, della donna e dei figli. E adesso?
    Adesso…arrangiatevi!!!
    Le donne prima o dopo si beccheranno l’Islam radicale anche qui.
    Distrutto l’uomo bianco etero brutto e cattivo, oppressore delle donne, arriva l’Islam radicale.
    Auguri alle femministe. Il piatto è servito.
    L’uomo bianco etero se ne va per la sua strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *