Le notizie da un altro punto di vista

GLOW, la serie Netflix sulle donne del wrestling, avrà una seconda stagione

0

Mentre della seconda stagione di Gipsy Netflix non ne vuole proprio parlare, GLOW viene invece rinnovata per una seconda stagione. Nonostante la critica ed il pubblico siano rimasti entusiasti di questa serie, il prodotto di dieci puntate si rivela al di sopra della mera leggerezza, puntando su una superficialità senza precedenti. L’annuncio è stato fatto recentemente e, il cast, con molta probabilità sarà riconfermato con tutti i suoi componenti. Alison Brie, che padroneggia la scena (e lo fa da sola, senza nessuno in grado di tenere testa alla sua interpretazione!) sarà protagonista di questo seguito già atteso dai fan.

La serie, narra in sintesi una storia di donne che, un po’ per combattere i tipici stereotipi femminili ed un po’ per recuperare delle vite in frantumi. Insomma, dieci puntate messe su, forse, con una vera fatica. Tuttavia, per gli amanti del wrestling, questa serie potrebbe rappresentare, se ne vogliamo proprio salvare qualcosina, un bel documentario. Se volete passare un po’ di tempo senza pensieri, GLOW è quello che fa per voi. Ovviamente, con tutti i dovuti accorgimenti (ad esempio, il fatto che non nasca necessariamente come una serie impegnata ma come un’intrattenimento di risata che vorrebbe diventare qualcosa in più).

Il finale di stagione di GLOW si chiude, peraltro, senza una curiosità forte di rivederne il secondo capitolo poichè l’empatia con i personaggi è praticamente nulla). Anche se, è già stato detto abbastanza, vi invito a leggerne una recensione cliccando qui.




In sintesi, questa seconda stagione di GLOW era veramente evitabile, non solo perchè la storia non sembra reggersi in piedi ma anche perchè le storylines poco approfondite di ognuno dei personaggi non portano la minima curiosità a volerne conoscere il futuro. Netflix dovrebbe invece concentrare la sua attenzione sul non farsi scappare le serie Marvel, vero pupillo del colosso californiano. Dopo lo scandalo post-cancellazione terza stagione di  Sense8, intelligentemente rimediato con un puntatone speciale (speriamo che non sia come quello di Natale), le serie originale Netflix sembranno fare sempre più scivoloni. Ci penserà la seconda stagione di Stranger Things a rimediare tutto?

 

Giulia D’Alterio

Leave A Reply

Your email address will not be published.