Gobee, colosso di bike sharing, lascia l’Italia: “Troppi vandali”

Gobbe,decisione sofferta ma necessaria:"Mediamente, il 60% della nostra flotta europea ha subito danneggiamenti"

L’azienda cinese di #bikesharing #Gobee, fondata nel 2017 a  Hong Kong, lascia ufficialmente l’Italia a partire da domani 15 febbraio a causa dell’inciviltà della gente e degli atti vandalici.

0

Gobbe,decisione sofferta ma necessaria:”Mediamente, il 60% della nostra flotta europea ha subito danneggiamenti”

L’azienda cinese di bike sharing Gobee, fondata nel 2017 a  Hong Kong, con l’intento di creare il  miglior sistema di bike sharing a flusso libero al mondo, lascia ufficialmente l’Italia a partire da domani 15 febbraio.

ll colosso  aveva già abbandonato nei mesi scorsi  anche Bruxelles e le città francesi di Lille e Reims.

In una mail inviata agli utenti  spiega la motivazione che hanno condotto  a questa decisione:

Nelle ultime settimane i danni alla nostra flotta di biciclette hanno raggiunto limiti che non possiamo più contenere con le nostre forze e con le nostre risorse. Anche se non è facile, questo non è un addio, ma un arrivederci.

In Italia il servizio Gobeebike  era disponibile da qualche mese a Firenze, Roma e Torino.




Durante i mesi di dicembre e gennaio, le nostre biciclette sono diventate il bersaglio di sistematici atti di vandalismo, trasformandosi così in oggetti da distruggere per puro divertimento.Mediamente, il 60% della nostra flotta europea ha subito danneggiamenti, vandalismi o è stato oggetto di fenomeni di privatizzazione.Per questi motivi non c’è stata nessun’altra opzione se non procedere al termine del servizio a livello nazionale e continentale. Una decisione sofferta dal punto di vista morale, umano e finanziario.

Nonostante  i danni subiti, il colosso cinese del bike sharing  ringrazia i partner

per aver visto in questo progetto l’opportunità di aumentare la consapevolezza su questo nuovo servizio di mobilità sostenibile, diffondendo i nostri valori.

e  i Comuni che hanno aderito e supportato  il progetto:

Ringraziamo inoltre i vari Comuni che hanno riposto in noi fiducia aiutandoci in questo meraviglioso progetto e aprendo le porte delle loro città al nostro servizio.

Alessia Cesarano

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi