Una guida alle “molte dimore” dell’ aldilà. Da tenere sottomano

0

Da mezzo  secolo ormai non si sente più parlare la Chiesa del destino post-mortem dell’uomo.  Ma anche prima, bisogna ammettere, l’insegnamento cattolico era così piatto e sommario su le cose ultime, da farle svanire nella coscienza dei fedeli come miti  superati e puerili. Peggio, da far spegnere l’interesse per il Paradiso e   l’aspirazione ad entrarvi.  “A far che, a parlare con Don Bosco e Bernadette? Sai  che noia”,   è stata a lungo una scipita freddura dei miscredenti da caffè.




Gianluca Marletta, nel suo saggio “, L’Eden,  la Resurrezione e la Terra dei Viventi – Considerazioni sull’Origine e il Fine dell’essere umano (Irfan Edizioni, 130 pagine, 12 euro) ha recuperato nella sua affascinante complessità l’integralità della conoscenze di cui la Chiesa è tuttora depositaria, magari a sua insaputa. Lo ha fatto ricorrendo spesso a tradizioni di altre  culture, con ampie citazioni di René Guénon (che piaccia o no, è un riferimento obbligato in questa sfera  delle religioni comparate), il che lo espone, credo, ad accuse di gnosticismo o esoterismo.  Errore:  le conoscenze sul destino ulteriore dell’uomo, prima della sua attuale estrema materializzazione,  erano un patrimonio comune e perenne di tutte le culture tradizionali; espresse in linguaggi   diversi ma in simboli spesso convergenti, conoscenze “di derivazione germanica, celtica e orientale” diventano utili e  persino necessarie per illuminare e recuperare  le dottrine “perfettamente cristiane” che  continuano ad esistere, ormai mal comprese, nel cattolicesimo  e che nei suoi testi sono ben esplicite – purchè li si sappia leggere con l’occhio spirituale.

Voglio   fare un esempio che Marletta non fa:  vedere come un pagano, Lucrezio,   sia stato  capace di sintetizzare, in quattro limpidi eleganti esametri,  una intera sapienza – allora comune e condivisa –   sullo “stato umano” e le sue diverse “modalità”:

Bis duo sunt homines, caro, umbra, manes, spiritus; quator ista loci bis duo suspiciunt; terra tegit carnem, tumulum circumvolat umbra, orcus habet manes, spiritus astra petit”. 

La carne finisce sotto terra;  l’ombra  che svolazza attorno al sepolcro,  corrisponde a ciò che la dottrina rabbinica chiama “respiro delle ossa”, gli “obot”,  legati al cadavere, e forse il Ka egizio; l’Orco   è palesemente quel che gli ebrei chiamano Sheòl, il luogo in cui  “le anime” finiscono quando hanno esaurito le loro possibilità materiali con la vita fisica.  E’ bene sottolineare  che lo Sheòl, benché “infero”, non è necessariamente coincidente con l’inferno, ossia la Gheenna,  luogo della “seconda morte”  dove il “verme non muore”.  Quanto  poi a cosa intenda Lucrezio per “manes”, lasciamo la parola a Sant’Agostino, che non si fa alcuno scrupolo a citare un altro pagano, e particolarmente sospetto, perché misteriosofo,   iniziato ad Iside e processato per magia: Apuleio.

“  [Apuleio] afferma che anche l’anima umana è un daimon  e che gli uomini divengono Lari se hanno fatto del bene, fantasmi o spettri se hanno fatto del male e che sono considerati dèi Mani se è incerta la loro qualificazione. »  La città di Dio IX,11

Personalmente sono stato ancor più colpito  da come Lucrezio smentisce la vera e propria superstizione dell’uomo d’oggi – quella di avere, anzi di essere un “Io” – mostrando come l’Io empirico sia un aggregato che si decomporrà dopo la morte, posizione che lo avvicina vistosamente  al Buddhismo. Stupefacente poi il fatto che Lucrezio, un epicureo, ossia in teoria un ateo  materialista del  tempo, sappia che “spiritus  astra petit”: dopo la morte, lo Spirito torna al Cielo. Lo Spirito che è la vera scintilla divina, quando l’aggregato si scompone, torna  da dove è venuto, perché non appartiene all’individualità umana – a meno che essa non possa dire, come Paolo di  Tarso, “non sono più io che vivo, ma Dio vive in me”: con l’estinzione eroica  dell’io empirico, infatti, il singolo,   alcuni grandi santi  conseguono  l’Identità  suprema, l’identificazione senza residui   con Dio.




Marletta distingue questo stato supremo  dalla  “Salvezza”, condividendo l’affermazione di “alcuni maestri dell’Oriente cristiano per i quali “il Paradiso è solo l’inizio del cammino”, intendendo per Paradiso solamente i ritorno dell’essere allo stato primordiale”, ossia lo stato edenico che Adamo aveva prima della caduta; “oltre, infatti, ci sono tutti gli stati superiori dell’essere, simboleggiati dai Cieli, ed oltre gli stessi Cieli vi è la perfetta unione con Dio  simboleggiata dall’Empireo”.  Una nozione condivisa da Dante, che conosce i vari “gradi”  del Cielo, anche se avverte “Chiaro mi fu allor come ogne  dove
in cielo è paradiso
, etsi la grazia del sommo ben d’un modo non vi piova”.

Se  ciò sembri strano al cristiano d’oggi, c’è un motivo, che non conoscevo e di cui Marletta informa: un Concilio di Costantinopoli, risalente all’870,  ridusse obbligatoriamente l’uomo a ”corpo e  una  sola anima  razionale  e intellettuale”  condannando  come empia la nozione che in esso viva lo Spirito, inteso come una  “seconda anima”.  Interessante  apprendere che non solo la Chiesa d’Oriente non accettò quel concilio;  ma anche Tomaso d’Aquino pare non conoscerlo, in quanto riconosce un’anima “trascendente e universale” (lo Spiritus astra petit di Lucrezio),  e  Teresa d’Avila, in forza delle sue esperienze mistiche, nota: “Si vedono cose  interiori che mostrano in modo sicuro che, sotto un certo rapporto, c’è un’evidente differenza tra l’anima e lo spirito” .  Per   tacere di San Paolo e dei molti luoghi in cui distingue il soma (corpo) l’anima (psyché) e lo spirito (pneuma).

In Regno esistono “molte dimore”,   disse Cristo ai discepoli, aggiungendo che andava “a preparare un posto”  apposta per loro. E’ lecito chiedersi dunque se una dimora della Salvezza chiamata “il seno di Abramo”  non sia quella “fatta apposta” per ebrei ed arabi, discendenza del patriarca antico che lasciò la sua terra ad Ur in millenni  immemorabili, e del canale di grazia che  si aprì, grazie alla sua fede, un antico meriggio alle querce di Mamre.  Sembrava crederlo Papa Gregorio  VII nella lettera che scrisse al principe di Mauritania Anazir,  musulmano:

“Noi e voi crediamo  e confidiamo nell’unico Dio, per quanto in modo diverso, il quale quotidianamente lodiamo e veneriamo […] E chiediamo a Dio che, dopo una lunga e felice vita,tu possa essere condotto beatamente nel seno del santissimo patriarca Abramo”.

Se poi qualche “tradizionalista” si  voglia scandalizzare, Marletta  gli  dà un’altra occasione   provocatoria maggiore. Abbiamo giustamente schernito le concezioni del paradiso islamico, la promessa dei piaceri con  le  numerose  vergini Uri.  Ebbene, ecco cosa scriveva Efrem il Siro, santo, vescovo e dottore della Chiesa,  morto  nel 373,  secoli prima di Maometto:

“Pensa al paradiso! Al suo aroma ristoratore e ai suoi piacevoli profumi, la tua giovinezza si rinnova, svaniscono le tue imperfezioni  Chi si è  astenuto dal vino sulla  terra, per lui abbondano i vini in paradiso…E chi visse in continenza, lo accolgono donne nel loro casto grembo, poiché da monaco non cadde fra le  braccia e nel letto dell’amore terreno”






E questo, in uno degli “Inni del Paradiso” che il santo  cristiano  compose! In questa  evocazioni della carnalità è una perenne sapienza, il simbolo coincide con il reale: nell’uomo che ha conseguito la Salvazione, nell’uomo ridiventato integrale, nulla  di ciò  che è suo mancherà,  come il “meno” è contenuto nel “più”- questo   vuol significare sant’Efrem il Siro.  Bisogna recuperare la coscienza, come dice Marletta, che la condizione edenica è lo stato in cui “tutte le possibilità sono co-presenti e l’essere può disporne a suo piacimento.  L’Adamo dell’’Eden è simultaneamente bambino e adulto, corporeo e sottile, fermo e in movimento,  perché  il frutto della ‘dualità’ non ha più potere su di lui, tutte  le possibilità dello stato umano sono a sua disposizione e sono per lui uno”.  E chissà, forse lo stesso vuol dire il Corano con le sue favolose Urì.






E’ uno stato inimmaginabile a noi poveri coinvolti nel tempo (il tempo che è sinonimo di morte, come ci ricorda l’autore).   Marletta ci ricorda sapienze che sono appartenute all’ortodossia  cristiana, anche se oggi sembrano “gnostiche”; fornisce una utile mappa per l’aldilà,  di cui – data la mia età –  non posso che essergli grato. Soprattutto, fa ben capire l’urgenza della necessità di non cadere là dove “il verme non muore”, in quella in A-temporalità maligna  cui corrisponde, nella atemporale Salvezza,  “nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto”, perché  per ciascuno di noi “le vostre opere vi seguono”. Non suo piccolo merito, rende gli stati paradisiaci  affascinanti  nella loro accurata complessità, e dà la voglia di andarci, il che non è  da poco – specie per uno della mia età.

Penso  infine che il suo libro sarà  essenziale per coloro che vivranno “dopo” .  Dopo  che  “questa generazione”  sarà passata,  cogliendo  i frutti delle sue  apostasie, e il Cuore Immacolato avrà trionfato.

 

 

Maurizio Blondet

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi