I due concetti di libertà di Isaiah Berlin

I-due-concetti-di-libertà-di-Isaiah-Berlin
Isaiah Berlin

Libertà’ è una parola potente. Tutti noi rispondiamo positivamente ad essa, e sotto il suo vessillo sono state avviate rivoluzioni, combattute guerre e vengono continuamente intraprese campagne politiche. Ma cosa intendiamo esattamente con “libertà“? Il fatto che i politici di tutte le parti sostengano di credere nella libertà suggerisce che le persone non sempre hanno in mente la stessa cosa quando ne parlano.

Potrebbero esserci diversi tipi di libertà e, in tal caso, i diversi tipi potrebbero entrare in conflitto tra loro? La promozione di un tipo di libertà potrebbe limitare un altro tipo? Le persone potrebbero persino essere costrette in nome della libertà?

Il filosofo politico del novecento Isaiah Berlin (1909-97) pensava che la risposta a entrambe queste domande fosse ““, e nel suo  saggio  “Due concetti di libertà” (1958) distinse due tipi di libertà, che chiamò : libertà negativa   e  libertà positiva .

Libertà negativa

La libertà negativa è la libertà dalle interferenze. Sei negativamente libero nella misura in cui altre persone non limitano ciò che puoi fare. Se altre persone ti impediscono di fare qualcosa, direttamente o indirettamente, sostenendo gli assetti sociali ed economici che ti svantaggiano, allora in quel modo limitano la tua libertà negativa.

Isaiah Berlin sottolinea che sono solo le restrizioni imposte da  altre  persone  che contano come limiti della propria libertà. Le restrizioni dovute a cause naturali non contano.




Il fatto che non riesca a levitare è una limitazione fisica ma non una limitazione della mia libertà. Praticamente tutti sono d’accordo sul fatto che dobbiamo accettare alcune restrizioni sulla nostra libertà negativa se vogliamo evitare il caos.

Tutti gli stati richiedono ai loro cittadini di seguire leggi e regolamenti progettati per aiutarli a vivere insieme e far funzionare la società senza intoppi. Accettiamo queste restrizioni sulla nostra libertà come un compromesso per altri benefici, come la pace, la sicurezza e la prosperità. Allo stesso tempo, molti di noi insistono sul fatto che ci sono alcune aree della vita che non dovrebbero essere regolamentate e dove gli individui dovrebbero avere una libertà considerevole, se non completa.

Un importante dibattito in filosofia politica riguarda i confini di quest’area di libertà negativa personale. Ad esempio, lo stato dovrebbe porre delle restrizioni su ciò che possiamo dire o leggere, o su quali attività sessuali possiamo intraprendere?

Libertà positiva

 Mentre la libertà negativa è la libertà  dal  controllo da parte degli altri, la libertà positiva è la libertà  di  controllarsi. Essere liberi positivamente significa essere padroni di se stessi, agire razionalmente e scegliere responsabilmente in linea con i propri interessi. Questo potrebbe sembrare semplicemente la contropartita della libertà negativa.

Mi controllo nella misura in cui nessun altro mi controlla. Tuttavia, può aprirsi un varco tra la libertà positiva e quella negativa, poiché una persona potrebbe mancare all’autocontrollo anche quando non è trattenuto da altri.




Pensa, ad esempio, a un tossicodipendente che non può prendere a calci l’abitudine che lo sta uccidendo. Non è positivamente libero, cioè, agisce razionalmente nel suo stesso interesse. Anche se la sua libertà negativa non è limitata; nessuno lo costringe a far uso di droga.

In tali casi, osserva Berlin, è naturale parlare di qualcosa come due sé: un sé inferiore, che è irrazionale e impulsivo, e un sé superiore, che è razionale e lungimirante. E il suggerimento è che una persona è positivamente libera solo se il suo sé superiore è dominante. Se è giusto, allora potremmo essere in grado di rendere una persona più libera costringendolo a farlo.

Se impediamo al tossicodipendente di prendere il farmaco, potremmo aiutare il suo sé superiore a prendere il controllo. Limitando la sua libertà negativa, aumenteremmo la sua libertà positiva. È facile vedere come si possa abusare di questo punto di vista per giustificare interventi errati o maligni.

L’abuso del concetto di libertà positiva 

Isaiah Berlin sosteneva che il divario tra libertà positiva e negativa e rischio di abuso aumenta ulteriormente se identifichiamo il sé superiore o “reale” con un gruppo sociale (una tribù, una razza, una chiesa, uno stato). Potremmo quindi concludere che gli individui sono liberi solo quando il gruppo sopprime i desideri individuali (che derivano da sé inferiori e non sociali) e impone la sua volontà su di loro.

Ciò che preoccupava particolarmente Isaiah Berlin di questa mossa era che giustifica la coercizione degli individui, non solo come mezzo per ottenere benefici sociali, come la sicurezza e la cooperazione, ma come un modo per liberare gli individui stessi. La coercizione non è vista come coercizione, ma come liberazione, e le proteste contro di essa possono essere respinte come espressioni del sé inferiore, come la brama del tossicodipendente per la sua correzione.

Berlin ha definito questa “imitazione mostruosa”, che permette a chi detiene il potere di ignorare i reali desideri degli uomini o delle società, di prepotente, opprimente, torturarli nel nome e per conto dei loro “veri” sé. Il lettore potrebbe ricordare il romanzo di George Orwell 1984  (1949), che mostra come un partito politico stalinista imponga la sua concezione della verità su un individuo, “liberandolo” dall’amore per il leader del partito.

Isaiah Berlin pensava a come i regimi totalitari della Germania nazista e della Russia stalinista abusassero delle idee di libertà, e aveva ragione nel mettere in evidenza i pericoli di questo tipo di pensiero. Ma ciò non significa che sia sempre sbagliato promuovere la libertà positiva. Berlin non afferma di esserlo, e osserva che la nozione di libertà negativa può essere sfruttata in modo simile.

Un potente strumento per pensare

Alcune persone potrebbero aver bisogno di aiuto per capire i loro migliori interessi e raggiungere il loro pieno potenziale. E, potremmo credere che lo stato abbia la responsabilità di aiutarli a farlo. In effetti, questa è la motivazione principale per l’istruzione obbligatoria. Richiediamo ai bambini di frequentare la scuola, limitando severamente la loro libertà negativa,  perché crediamo che sia nel loro stesso interesse.

Lasciare i bambini liberi di fare quello che vogliono, probabilmente, equivale a trascurare o abusare. Anche nel caso degli adulti, è discutibile che lo stato abbia la responsabilità di aiutare i suoi cittadini a vivere vite ricche e soddisfacenti. Attraverso programmi culturali, educativi e sanitari.




La necessità di tale aiuto potrebbe essere particolarmente pressante nelle società di libero mercato, dove gli inserzionisti ci tentano continuamente a soddisfare i nostri appetiti “inferiori“. Potrebbe anche essere che alcune persone trovino significato e scopo attraverso l’identificazione con un più ampio movimento sociale o politico , come il femminismo, e che aiutandoli a farlo, stiamo aiutando a liberarli.

Ovviamente, questo solleva molte altre domande. Il nostro attuale sistema educativo funziona davvero nell’interesse superiore dei bambini o li modella semplicemente in una forma socialmente ed economicamente utile? Chi decide che cosa conta come una vita ricca e appagante? Quali mezzi può legittimamente utilizzare lo stato per aiutare le persone a vivere bene? La coercizione è mai accettabile?

Queste sono domande sul tipo di società in cui vogliamo vivere e non hanno risposte facili. Ma nel darci la distinzione tra libertà negativa e positiva, Berlin ci ha dato un potente strumento per pensare.

 

Felicia Bruscino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *