I giganti peruviani, i cui scheletri furono visti dai conquistadores

Le storie sui giganti peruviani sono note dal 16 ° secolo, quando i primi conquistadores  spagnoli raggiunsero questa regione.

Gli umani sono sempre stati affascinati da ciò che si trova oltre i confini e gli orizzonti del nostro mondo. Questo fascino ci ha portato a esplorare e comprendere il nostro pianeta dai tempi antichi, e innumerevoli esploratori hanno superato i confini delle nostre mappe e i limiti del nostro orizzonte. Per scoprire, domare e conquistare. Vi sono molte testimonianze di queste avventure e spesso si nascondono al loro interno storie straordinarie su popoli e strane creature.

Da sempre nella mitologia umana i giganti hanno occupato un posto preminente. Ma sono realmente esistiti questi esseri così grandi da essere annoverati tra i semidei? O sono solo il frutto delle ancestrali paure umane? Nelle leggende, si sa, c’è sempre un fondamento di verità quindi la probabilità che questi esseri umani dalle dimensioni enormi siano realmente esistiti è abbastanza realistica.

Il tutto, oggi, viene supportato dai tanti ritrovamenti effettuati dagli archeologi e dagli antropologi un po’ in tutto il mondo. Dall’ America del nord a quella del sud, dai deserti africani all’Asia i ritrovamenti di reperti umani dalle dimensioni “gigantesche” si fanno sempre più cospicui. Quindi, come dicevamo, le leggende di fatto narrano sempre qualcosa di vero e sono presenti in tutte le antiche culture.




I resoconti dei giganti peruviani risalgono ad est del XVI secolo, quando i conquistadores  spagnoli tentarono di penetrare  in questa terra inesplorata e sconosciuta.  Tra gli scritti vi è la storia di Pedro Ciez de Leon, descritta nel suo Royal Commentaries of the Inca and General History of Peru, Volume 1.

Nel suo rapporto, scrisse che i nativi della regione raccontarono di un tempo in cui un giorno i giganti sbarcarono dalle zattere sulla penisola e stabilirono il loro accampamento vicino ai conquistatori. A prima vista sembrava avessero deciso  di stabilirsi li per molto tempo, perché immediatamente iniziarono a scavare pozzi profondi per estrarre acqua.

Si diceva che questi giganti fossero epicamente proporzionati e De Leon li descrisse così:

Alcuni erano così grandi che un uomo normale di buone dimensioni arrivava a malapena alle ginocchia. I loro membri erano in proporzione alle dimensioni dei loro corpi. Ed è una cosa mostruosa vedere le loro enormi teste e i loro capelli pendere sulle spalle. I loro occhi erano grandi come piccoli piatti. Dicono che non avevano la barba e che alcuni di loro erano vestiti con le pelli degli animali. E altri solo con il vestito che la natura dava loro. Non c’erano donne con loro.

Raggiunto questo punto, hanno allestito il loro accampamento come un villaggio (e anche in questi tempi c’è un ricordo del sito delle loro case). Poiché non trovarono alcuna scorta d’acqua, rimediarono alla mancanza realizzando pozzi molto profondi. Un lavoro certamente degno di nota, intrapreso da uomini così forti come questi dovevano essere, a giudicare dalle loro dimensioni.

Hanno scavato questi pozzi nella roccia viva fino a quando non sono venuti in acqua. E, successivamente, hanno costruito i pozzi in pietra dalla linea di galleggiamento verso l’alto in modo che durassero per secoli. In questi pozzi l’acqua è eccellente ed è sempre così fredda che è molto piacevole da bere.

Una furia assetata di sangue

Continua dicendo che secondo gli indigeni questi giganti hanno subito una furia assetata di sangue, facendo irruzione nei villaggi e divorando tutto ciò su cui potevano mettere le mani. Compresi gli esseri umani. Sarebbe stato uno spettacolo terrificante da vedere. Quei giganteschi colossi che si profilavano sugli alberi che si infrangevano attraverso il deserto per afferrare gli abitanti urlanti e in fuga. Ma, in rappresaglia, si poteva fare ben poco.

Quindi, sul sito del villaggio devastato, i giganti costruirono le loro grandi capanne e rimasero qui per pescare e cacciare nelle foreste locali. La storia prende una piega in una strana più mitica risonanza quando viene affermato che alla fine furono allontanati da un angelo luminoso e splendente nel cielo.

Nonostante ciò, lo stesso De Leon credeva che questa storia fosse completamente vera e descrisse che vide personalmente gli enormi pozzi di pietra costruiti dai giganti peruviani. Scrisse anche che altri conquistadores videro i pozzi e i resti di enormi case che non potevano essere costruite dagli indiani locali. Inoltre, de Leon scrisse cose ancora più curiose. Ovvero che i conquistadores trovarono, in quest’area, ossa umane di dimensioni molto grandi, nonché pezzi di denti grandi e pesanti.

Nel 1550, nella città di Lima, ho sentito che quando sua eccellenza don Antonio de Mendoza era viceré e governatore della Nuova Spagna, vi furono trovate alcune ossa di uomini grandi come questi giganti.

Ho anche sentito che interi depositi di ossa di giganti sono stati trovati in un’antica tomba nella città di Città del Messico o nelle vicinanze. Dal momento che molti locali affermano di averli visti in prima persona, possiamo presumere che questi giganti esistano davvero e possano appartenere a un’unica razza.

Nelle tombe dei giganti peruviani

Un’altra prova dell’esistenza dei giganti si trova nei registri del capitano Juan Olmos, che nel 1543 scavò antiche sepolture nella Valle di Trujillo e presumibilmente scoprì lì ossa di persone di grande statura. C’era anche uno scheletro di un gigante trovato nella provincia di Tucumán e Tarija da Agustín de Zárate e dai suoi uomini. E ci furono frequenti rapporti nel corso del 16 ° secolo di questi esploratori che si imbatterono nelle tombe dei giganti. Ciò continuò nel diciassettesimo secolo e un racconto intrigante viene dal sacerdote e missionario gesuita Pablo José Arriaga, che scrisse di una scoperta curiosa nel suo manoscritto del 1620, L’estirpazione dell’idolatria in Perù . In cui dice:

Loro (rappresentanti degli ispettori spagnoli) ci condussero dall’altra parte del villaggio, dove c’era una grotta molto grande e vi erano i resti di giganti peruviani. Tra loro c’erano tre corpi giganti con teste deformate (teschi allungati) avvolti in combi (tessuto cerimoniale). Questi giganti erano considerati gli antenati di tutte queste persone nel villaggio che li adoravano e li adoravano, persino sacrifici venivano fatti in loro onore. Poi (gli spagnoli) hanno bruciato tutti questi corpi.

I teschi di Paracas

Tali scoperte non si limitano esclusivamente alle nebbie del tempo e alla storia perduta, ma sono proseguite nei tempi più moderni. Secondo l’autore e ricercatore Brian Foerster , una dei più note di queste è una scoperta fatta, quasi certamente, nel 1928.  Anno in cui furono trovati bizzarri teschi “alieni” allungati e un altro corpo umanoide mummificato nel deserto di Paracas. Sulla costa meridionale del Perù, stimati fino a 3000 anni fa.

Molto probabilmente i reperti furono trovati dall’archeologo Julio Tello, dopo di che furono conservati per anni prima di essere portati all’attenzione di Foerster. Il quale fece eseguire test del DNA su di essi e descrisse la straordinaria scoperta come segue:

Di recente ci hanno mostrato ed esaminato il suddetto manufatto che presumibilmente è stato trovato, insieme a molti altri, in una grotta nel deserto meridionale del Perù. Posizione esatta da dare, si spera, in futuro. La testa sembra fatta di osso con la pelle sopra. Ha due occhi, ma gli occhi non assomigliano a un essere umano, sono più anfibi o rettili. La bocca sembra essere così piccola che non sembra nemmeno essere per l’alimentazione.

È una cosa molto misteriosa e non riesco a immaginare come quei due esemplari possano essere falsi.  Qualunque sia la provenienza del campione 3A – ha il DNA con mutazioni sconosciute in qualsiasi essere umano. I dati sono però molto approssimativi. Ma alcuni frammenti che sono stato in grado di sequenziare da questo campione indicano che queste mutazioni reggeranno. Avremo a che fare con una nuova creatura simile all’uomo, molto distante da Homo sapiens, Neanderthal e Denisovans.

Rinvenimenti più recenti

Ancora più recente è una scoperta  fatta nel 2013 nella regione amazzonica tra Ecuador e Perù, e indagata dall’antropologo britannico Russell Dement. Si dice che furono trovati enormi scheletri che misuravano fino a 3 metri, si pensava risalissero al 1400-1500 d.C. Dement afferma di aver viaggiato nella regione dove sono stati trovati i resti e ha recuperato una gabbia toracica e un cranio, che avrebbe fatto analizzare. Nel frattempo, nella pubblicazione Cuenca Highlife , in merito ai resti, disse:

Gli scheletri non mostrano segni di malattie come i problemi di crescita ormonale comuni nella maggior parte dei casi di gigantismo. In tutti gli scheletri, le articolazioni sembravano sane e la cavità polmonare sembrava grande. Uno degli scheletri che abbiamo esaminato era di una donna che aveva circa 60 anni quando morì, molto più vecchia dei tipici casi di gigantismo.

Tutte le supposte prove sono aneddotiche e non facilmente verificabili concretamente, rendendo le risposte oscure per non dire altro. Se queste creature sono mai esistite qui, allora come possiamo spiegarle nel quadro della nostra attuale comprensione dell’evoluzione e del mondo naturale? E da dove provengono?

Queste erano creature di questo mondo, o forse qualcosa di più alieno in natura? Non c’è modo di saperlo davvero. E, casi come questo, rimangono semplici stranezze e misteri storici che potrebbero benissimo rimanere evasivi per qualche tempo a venire.

 

Felicia Bruscino
Photo by Chris Charles on Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *