I vulcani di Marte potrebbero essere ancora attivi nell’Elysium Planitia

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Lo studio sui vulcani di Marte é stato pubblicato su Icarus.

Marte é ancora viva

Vulcani di Marte: Recente deposito vulcanico esplosivo attorno a una fessura del sistema Cerberus Fossae. (credits: NASA/JPL/MSSS/The Murray Lab)
Vulcani di Marte: Recente deposito vulcanico esplosivo attorno a una fessura del sistema Cerberus Fossae. (credits: NASA/JPL/MSSS/The Murray Lab)

I vulcani di Marte potrebbero essere ancora attivi. La prova della recente attività vulcanica su Marte mostra che le eruzioni potrebbero aver avuto luogo negli ultimi 50.000 anni. Lo spiega un nuovo studio condotto dai ricercatori del Lunar and Planetary Laboratory e del Planetary Science Institute dell’Università dell’Arizona. La maggior parte del vulcanismo sul Pianeta Rosso avvenne tra 3 e 4 miliardi di anni fa. Solo eruzioni minori in luoghi isolati arrivano forse fino a 3 milioni di anni fa. Finora, non c’erano prove per indicare che Marte potesse avere vulcani attivi. Utilizzando i dati dei satelliti in orbita attorno a Marte, i ricercatori hanno scoperto un deposito vulcanico precedentemente sconosciuto.




Vicino nel tempo

“Questo sembrerebbe il più giovane deposito vulcanico mai documentato su Marte”, ha detto l’autore principale David Horvath.”Se dovessimo comprimere la storia geologica di Marte in un solo giorno, il deposito apparirebbe nell’ultimo secondo”. L’eruzione vulcanica ha prodotto un deposito scuro, liscio e largo 8 miglia che circonda una fessura vulcanica lunga 20 miglia. “Quando abbiamo notato il deposito per la prima volta sembrava speciale”, afferma il co-autore senior Jeff Andrews-Hanna. “Il deposito era diverso da qualsiasi altra cosa trovata nella regione, se non su tutto Marte. Somigliava molto ai depositi di antiche eruzioni vulcaniche presenti sulla Luna e Mercurio”.

La pista giusta

Ulteriori indagini hanno dimostrato che le proprietà, la composizione e la distribuzione del materiale corrispondono a ciò che ci si aspetterebbe da un’eruzione piroclastica. Immaginate un’eruzione esplosiva di magma guidata da gas in espansione, non diversa dall’apertura di una lattina di soda agitata. Il deposito risiede nella regione dell’Elysium Planitia, la seconda area vulcanica del pianeta. Qui e altrove su Marte si trovano prevalentemente depositi di lava che scorreva sulla superficie. Somigliano alle recenti eruzioni in Islanda studiate dal co-autore Christopher Hamilton. Sebbene ci siano numerosi esempi di vulcanismo esplosivo su Marte, si sono verificati molto tempo fa. Inoltre, questo deposito sembra differire.

Un vulcano divergente

Elysium Planitia, la regione del recente vulcanismo esplosivo (quadro bianco) e il lander InSight della NASA. Svetta sulla pianura Elysium Mons, un vulcano che sovrasta quasi 8 miglia sopra la sua base. (credits: MOLA Science Team)
Elysium Planitia, la regione del recente vulcanismo esplosivo (quadro bianco) e il lander InSight della NASA. Svetta sulla pianura Elysium Mons, un vulcano che sovrasta quasi 8 miglia sopra la sua base. (credits: MOLA Science Team)

“A differenza degli altri depositi, questo parrebbe relativamente fresco e sottile di cenere e roccia. Conseguentemente é un tipo diverso di eruzione rispetto a quelle piroclastiche precedentemente identificate”, spiega Horvath. “Questa eruzione potrebbe aver rigurgitato cenere fino a 6 miglia nell’atmosfera di Marte. È possibile che questo tipo di depositi fossero più comuni ma siano stati erosi o sepolti”. Il sito della recente eruzione si trova a circa 1.000 miglia (1.600 chilometri) dal lander InSight della NASA, che studia l’attività sismica su Marte dal 2018. Si è scoperto che due “martemoti” nella regione intorno alle Fosse di Cerbero (interne all’Elysium Planitia)  potrebbero essere dovuti al movimento del magma nel sottosuolo profondo.

Non tutto é perduto

“La giovane età di questo deposito solleva assolutamente la possibilità che ci possa essere ancora attività vulcanica su Marte. Trovo intrigante che i recenti martemoti rilevati dalla missione InSight provengano dalle Fosse di Cerbero”, ha detto Horvath. In effetti, il team di ricercatori ha predetto che l’area sarebbe stata soggetta ad attività sismica. Questo diversi mesi prima che il lander InSight della NASA atterrasse su Marte. Un deposito vulcanico come questo aumenta anche la possibilità di condizioni abitabili sotto la superficie di Marte nella storia recente, secondo Horvath. “L’interazione del magma ascendente e il substrato ghiacciato di questa regione suggeriscono condizioni favorevoli per la vita microbica. Data la vicinanza temporale, aumenta la possibilità di vita esistente in questa regione”, afferma.




Un’indagine scottante

Fessure vulcaniche simili in questa regione furono la fonte di enormi inondazioni 20 milioni di anni fa, quando le acque sotterranee eruttarono in superficie. Il gruppo di ricerca di Andrews-Hanna continua a indagare sulle cause dell’eruzione. Pranabendu Moitra dell’UArizona, ha indagato sul meccanismo dietro l’eruzione. Esperto in simili eruzioni esplosive sulla Terra, Moitra ha sviluppato modelli per esaminare la possibile causa dell’eruzione marziana. In un articolo di prossima pubblicazione sulla rivista Earth and Planetary Science Letters, suggerisce che l’esplosione potrebbe essere stata il risultato di gas già presenti nel magma marziano. In alternativa potrebbe essere avvenuta quando il magma ha incontrato il permafrost marziano.

Il ghiaccio e il fuoco

“Il ghiaccio si scioglie in acqua, si mescola con il magma e vaporizza, creando una violenta esplosione della miscela”, ha detto Moitra. “Quando l’acqua si mescola al magma è come versare benzina sul fuoco”. Sottolinea anche che la più giovane eruzione vulcanica su Marte è avvenuta a soli 10 chilometri dal più giovane cratere da grosso impatto, lo Zunil. “Le età dell’eruzione e dell’impatto sono indistinguibili. Ciò solleva la possibilità, per quanto ipotetica, che l’impatto abbia effettivamente innescato l’eruzione vulcanica”, suggerisce Moitra. Diversi studi hanno trovato prove che grandi terremoti sulla Terra possono causare l’eruzione del magma immagazzinato sotto la superficie. L’impatto che ha formato il cratere Zunil su Marte avrebbe scosso il Pianeta Rosso proprio come un terremoto.

I campi elisi di Marte

Mentre i vulcani giganti più incredibili altrove su Marte – come Olympus Mons, la montagna più alta del sistema solare – raccontano una storia delle antiche dinamiche del pianeta, l’attuale punto caldo dell’attività marziana sembra essere nelle pianure relativamente anonime dell’Elysium Planitia. Andrews-Hanna ha affermato che è straordinario che una regione ospiti gli epicentri dei terremoti più recenti, le più recenti inondazioni d’acqua, i flussi di lava più recenti e ora un’eruzione vulcanica esplosiva ancora più recente. “Questa potrebbe essere l’eruzione vulcanica su Marte più vicina nel tempo”, ha detto. “Ma penso che possiamo essere certi che non sarà l’ultima”.

Il deposito vulcanico descritto in questo studio, insieme al brontolio sismico in corso all’interno del pianeta rilevato da InSight e le possibili prove per il rilascio di pennacchi di metano nell’atmosfera rilevati dall’orbiter MAVEN della NASA, suggeriscono che Marte è lontano dall’essere un mondo freddo e inattivo. “Tutti questi dati sembrano raccontare la stessa storia”, continuano i ricercatori. “Marte é ancora vivo.”




Daniele Tolu

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.