Ice Memory, la biblioteca del ghiaccio perduto

Grazie al progetto Ice Memory, lanciato nel 2013 da un piccolo gruppo di scienziati francesi, l’Antartide ospiterà ritiri glaciali da tutto il mondo. Raccolti sui vertici minacciati dal riscaldamento globale, saranno lasciati in eredità alle generazioni future.

Alla velocità con cui i ghiacciai si stanno sciogliendo, le tracce insostituibili della storia del nostro pianeta scompariranno, prima che gli scienziati abbiano avuto il tempo di preservarle. La maggior parte dei ghiacciai del mondo sta perdendo volume a causa del riscaldamento globale. Al ritmo attuale, si prevede che scompariranno completamente entro la fine del 21° secolo per quelli che si trovano a 3.500 metri nelle Alpi e a 5.400 metri nelle Ande.

Con la loro scomparsa e forse poco prima, a causa dello scioglimento dell’acqua che cola lungo il ghiacciaio, pagine uniche nella storia del nostro ambiente scompariranno per sempre.

Di fronte alla realtà del cambiamento climatico, un team di ricercatori guidato da Jérôme Chappellaz, glaciologo dell’Institut de Géosciences de l’Environnement (IGE) di Grenoble e responsabile della ricerca presso il CNRS , sostenuto dalla Fondazione Université Grenoble Alpes , ha intrapreso per salvare la memoria del ghiaccio attraverso un programma internazionale chiamato “Ice Memory“.

Ha lo scopo di prelevare campioni dai ghiacciai minacciati dal riscaldamento globale e trasportare i campioni in una camera fredda naturale. Ciò consentirà alle future generazioni di scienziati di ricercare questa materia prima senza pari. Il programma Ice Memory è sostenuto da numerosi benefattori. Il viaggio è iniziato nell’agosto 2016 a 4.300 metri sul livello del mare sul massiccio del Monte Bianco.

Ice Memory: la biblioteca del ghiaccio per le generazioni future. Un progetto inedito nato dal desiderio di salvare la memoria del pianeta.

L’obiettivo degli scienziati è quello di costituire in Antartide una sorta di biblioteca mondiale degli archivi glaciali dei ghiacciai minacciati dal riscaldamento globale, per dare alle generazioni future l’opportunità di studiare le condizioni ambientali e le variazioni climatiche del passato. L’idea di creare questo progetto è nata quando gli scienziati hanno osservato un aumento delle temperature su diversi ghiacciai. Ad intervalli di dieci anni, la temperatura vicino ai ghiacciai del Col du Dôme e dell’Illimani nelle Ande è aumentata tra 1,5° e 2°.

I ghiacciai sono libri unici e Ice Memory mira a prelevare carote di ghiaccio da circa 20 ghiacciai minacciati dai cambiamenti climatici e ad immagazzinarli in Antartide. Sono lunghissimi “tubi” all’interno dei quali una grande quantità di informazioni, comprese le variazioni di temperatura da un anno all’altro, ha lasciato un’impronta nelle bolle d’aria. A parte gli spessi strati di ghiaccio che ricoprono la Groenlandia e l’Antartide, solo nella parte superiore dei ghiacciai si può trovare un accumulo di ghiaccio sufficiente per risalire da 1.000 a 15.000 anni nel passato.




Gli scienziati ci stanno lavorando prima che sia troppo tardi e il compito non è facile, tanto le cime di alcuni di questi ghiacciai sono di difficile accesso e soggette a condizioni meteorologiche ostili. Ma i rischi ne valgono la pena. La chimica ambientale Margit Schwikowski afferma che “Lontano nelle profondità di questi ghiacciai, c’è un processo sorprendente. dove l’aria antica è preservata dal tempo in cui era intrappolata nel ghiaccio”.

Il suo team contribuisce al progetto internazionale Ice Memory. Si rivolge principalmente ai ghiacciai più vulnerabili. I gruppi di esperti in questo tipo di perforazione non sono così numerosi nel mondo.

Ice Memory sul Monte Rosa

Un team di ricercatori italo-svizzeri ha estratto due carote di ghiaccio di 80 metri al Passo Gnifetti, sul massiccio del Monte Rosa. Sperano di ottenere informazioni sul clima degli ultimi 10.000 anni. La perforazione è stata eseguita su una sella glaciale ad un’altitudine di quasi 4.500 metri. Il substrato roccioso è stato raggiunto a una profondità di 82 metri.

La spedizione fa parte del progetto internazionale “Ice Memory”. Guidata dall’Istituto Paul Scherrer (PSI) di Villigen (AG). Dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e dall’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Felicia Bruscino 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *