Il calore dei Sapiens aumenta il rischio di eventi termici estremi

Lo studio sul calore dei Sapiens é stato pubblicato su Advances in Atmospheric Sciences.




Troppo caldo troppo a lungo

Il calore dei Sapiens, o flusso di calore antropogenico,nell’atmosfera vicino alla superficie ha cambiato gli ambienti termici urbani. Gran parte di questa fluttuazione è stata rilevata con il rapido sviluppo dell’economia e dell’urbanizzazione globale dall’inizio del 21 ° secolo. Nel frattempo, il numero di eventi termici estremi nel primo decennio del 21 ° secolo è cresciuto più velocemente che negli ultimi 10 anni del 20 ° secolo. Durante questo periodo, gli eventi di caldo estremo urbano hanno aumentato la propria frequenza, battendo i record di temperatura più spesso del dovuto.

Una questione estrema

Calore dei sapiens:1
Calore dei sapiens: Il flusso di calore antropogenico riduce gli eventi di freddo estremo e aumenta gli eventi di calore estremo. (credits: Bin Liu)

“Abbiamo trovato relazioni forti tra il flusso di calore antropogenico e gli eventi di temperature estreme. Intendiamo eventi sia di freddo che di caldo estremo, basati su sette indici di temperatura. Questo forma un modello avanzato” ha detto il prof. Zhenghui Xie, uno scienziato dell’Istituto di fisica atmosferica, Accademia cinese delle scienze.  Molti ricercatori hanno studiato gli eventi di temperatura estrema urbana, compreso l’effetto del flusso di calore antropogenico da diverse scale temporali. Hanno inoltre tenuto conte dell’effetto dell’isola di calore urbano e le interazioni sinergiche tra l’isola di calore urbana e le ondate di calore. Tuttavia, le relazioni tra il flusso di calore antropogenico e gli eventi di temperatura estrema sono state meno studiate.

Gli opposti si esaltano

“Il calore antropogenico ha aumentato la frequenza e la tendenza degli eventi di caldo estremo, mentre gli eventi di freddo estremo fanno l’ opposto”, ha detto  Xie. Insieme al dottor Bin Liu, Xie ha sviluppato un caso di studio su Pechino, Cina, analizzando i dati sul calore antropogenico basati sul consumo di energia. Grazie alla versione Advanced Research (ARW) del modello Weather Research and Forecasting (WRF), i ricercatori hanno implementato uno schema di rappresentazione dinamica del rilascio di calore antropogenico urbano.

Così, analizzando il processo dinamico dello strato limite dell’atmosfera, il team ha anche trovato differenze nell’efficienza del riscaldamento stagionale. Questa ricerca potrebbe  inoltre aiutare a mitigare l’impatto di eventi di temperature estreme nelle diverse stagioni.



Daniele Tolu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *