Il concerto virtuale con Lady Gaga a sostegno dell’OMS contro il Covid-19

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

“One World, Together at Home”: è questo il titolo del grande concerto virtuale con Lady Gaga, cantante di fama mondiale, per riunire oltre un centinaio di artisti e personaggi famosi per una buona causa: aiutare coloro che sono in prima linea nel combattere il Covid-19 e raccogliere fondi per l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS).

Un evento di solidarietà

Tra i molti partecipanti, per citare alcuni nomi, ricordiamo: Andrea Bocelli – che, tra l’altro, si è esibito il giorno di Pasqua all’interno e di fronte al Duomo di Milano, per dare un messaggio di speranza e ripresa all’Italia.

Ancora, vi saranno Alicia Keys, Bill e Melinda Gates, Billie Eilish, Celine Dion, Jennifer Lopez, Luis Fonsi, i Rolling Stones, Stevie Wonder, Zucchero.

Questo concerto virtuale con Lady Gaga verrà trasmesso oggi negli Stati Uniti dalle ore 20 alle 22, tramite NBC, CBS e ABC.

Lo stream digitale, invece, andrà in onda dalle 2 di notte (ora italiana) di domenica 19 aprile. Il concerto si potrà vedere attraverso molteplici piattaforme tra cui Facebook, Instagram, Youtube.




Chi è il promotore di questo concerto virtuale con Lady Gaga?

Global Citizen è un grande movimento di “action takers” e “impact makers” che si dedicano ad aiutare a combattere la povertà estrema entro il 2030. Quest’ultimo rappresenta il primo obiettivo dei Sustainable Development Goals dell’Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile. Tale movimento può guidare il cambiamento rispetto a sostenibilità, uguaglianza e umanità. Così, le Nazioni Unite e l’OMS hanno chiesto a Global Citizen di supportare il Covid-19 Solidarity Response Fund . E Global Citizen ha risposto a questo “appello”, portando “un mondo: insieme a casa” (la traduzione del titolo del concerto) e ispirando le persone ad agire.

I concerti virtuali sono un trend in crescita

Concerti di questo genere, di tipo virtuale, costituiscono ora un trend sempre più in crescita, data la quarantena in cui si trovano la maggior parte dei Paesi e le disposizioni che vietano assembramenti, per mantenere il distanziamento sociale.

La musica può unire le persone, anche a distanza, e dare in una certa misura la sensazione di essere parte di una stessa comunità, oltre che essere uno strumento di svago. Come è successo per #iosuonodacasa, con esibizioni da casa trasmesse via social.

“Musica che unisce”: l’iniziativa di artisti italiani

Anche in Italia è stato organizzato un evento benefico, proprio attraverso un concerto virtuale: “Musica che unisce”. La finalità dell’evento era la raccolta fondi a beneficio della Protezione Civile. Ciò, allo scopo di fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Il 31 marzo scorso è andato in onda il concerto, con la partecipazione di vari artisti italiani, come Cremonini, Elisa, Mengoni, i Negramaro, Tiziano Ferro, Riccardo Cocciante e tanti altri.

Questi sono tutti esempi di solidarietà, che diffondono un messaggio di unione, sensibilità, supporto, in un momento così delicato della storia dell’umanità.

Marta Annalisa Savino

 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *