Il crollo afghano può essere ricondotto all’accordo Trump-Talebani

Le udienze della Camera e del Senato della scorsa settimana hanno segnato l’inizio di quella che probabilmente sarà un’estesa revisione congressuale del crollo afghano. Per anni, infatti, c’era stata una limitata supervisione congressuale della guerra e delle centinaia di miliardi di dollari dei contribuenti che ha consumato.

Sfidando le valutazioni dell’intelligence statunitense, il governo afgano e il suo esercito addestrato dagli USA sono crollati a metà agosto. Ciò ha permesso ai talebani, che avevano governato il paese dal 1996 al 2001, di catturare Kabul con un paio di centinaia di uomini. Questo ha innescato un frenetico sforzo degli USA per evacuare i civili americani, gli alleati afgani e altri dall’aeroporto di Kabul.

Il crollo afghano e delle sue forze di sicurezza può essere ricondotto, secondo le dichiarazioni di un generale USA a un accordo del 2020 Trump-Talebani. Nell’accordo di Doha si prometteva un ritiro completo delle truppe americane entro maggio 2021, hanno detto al Congresso alti funzionari del Pentagono.



Il crollo afghano secondo il generale McKenzie

Il generale Frank McKenzie, il capo del comando centrale, ha parlato alla commissione per i servizi armati della Camera degli eventi che hanno segnato il crollo dell’Afghanistan. “La firma dell’accordo di Doha ha avuto un effetto davvero pernicioso sul governo dell’Afghanistan e sui suoi militari. Psicologico più che altro, ma abbiamo fissato una data – certa per quando ce ne saremmo andati e quando potevano aspettarsi che tutta l’assistenza finisse”.

Si riferiva a un accordo del 29 febbraio 2020, che l’amministrazione Trump ha firmato con i talebani a Doha, in Qatar. Gli USA hanno promesso di ritirare completamente le loro truppe entro maggio 2021 e i talebani si sono impegnati a diverse condizioni. Si voleva che smettessero di attaccare le forze americane e della coalizione. L’obiettivo dichiarato era quello di promuovere un negoziato di pace tra i talebani e il governo afgano, ma questo sforzo diplomatico non ha guadagnato trazione.

McKenzie ha detto di aver anche creduto “per un bel po’” che se gli USA avessero ridotto il numero dei loro consiglieri militari in Afghanistan al di sotto dei 2.500, il governo di Kabul sarebbe inevitabilmente crollato e che “i militari avrebbero seguito”. Ha detto che oltre agli effetti moralmente depauperanti dell’accordo di Doha, la riduzione delle truppe di Biden in aprile è stata “l’altro chiodo nella bara”. La ragione è che questo ritiro ha reso ciechi i militari statunitensi alle condizioni all’interno dell’esercito afgano. “Perché i nostri consiglieri non erano più lì con quelle unità”.

Lo scarica barile dei partiti e le udienze politicizzate

Il segretario alla Difesa Lloyd Austin, testimoniando accanto a McKenzie, ha detto di essere d’accordo con l’analisi di McKenzie. Ha aggiunto che l’accordo di Doha impegnava anche gli USA a terminare gli attacchi aerei contro i talebani. “Così i talebani hanno aumentato le loro operazioni offensive contro le forze di sicurezza afgane, e gli afgani stavano perdendo molte persone su base settimanale”.

Il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore, aveva detto, in un’audizione simile al Senato, che il ritiro dall’Afghanistan era un “fallimento strategico”. Il generale Mark Milley partecipato all’udienza che consisteva in una “autopsia” sulla guerra di 20 anni. Il ritiro USA dall’Afghanistan un “successo logistico ma un fallimento strategico”, dice Milley.

L’udienza è stata politicamente carica, con i repubblicani che hanno cercato di incolpare Biden e i democratici che hanno sottolineato le decisioni sconsiderate di Trump. “L’improvviso interesse dei repubblicani per l’Afghanistan è semplicemente politica”, ha detto la senatrice Elizabeth Warren, una democratica del Massachusetts.

Francesco Maria Trinchese

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *