Il lemmino Salvini Vs il Monsignore comunista

www.maurobiani.it
2

Il lemmino Salvini Vs il Monsignore comunista

La Cei bacchetta i politici sulla questione migranti e non ha bisogno di sottolineare che è un participio.

L’evidente vantaggio sintattico ha il suo peso, soprattutto quando si ha a che fare con la nostra classe dirigente. E’ fin troppo evidente che i nostri politicanti  non sono degli accademici della Crusca.

Matteo Salvini si sente chiamato in causa e si “autoconiuga” per declinare la solita solfa: Monsignor Galantino – presidente della Conferenza Episcopale Italiana – è un comunista! In Italia va così … se difendi i diritti dei più deboli sei comunista, ma se fai gli interessi di pochi vai al governo e puoi ammazzare il tempo a sciorinare hashtag.  Mai come in questo scorcio di storia il tempo pensa seriamente all’eutanasia!

Grande errore Monsignore! Lei ignora che Salvini è amico dei neri e dei gay, basta che i due fenomeni non si presentino contemporaneamente (come diceva il grande poeta Brunello Robertetti) e in un altro Paese.

Per il Matteo felpato prima gli italiani! Beh … dipende, a sud di Grosseto cominciano già a puzzare d’Africa, ma per ora anche i terroni tornano utili. Però tranquilli, quando salirà al potere farà accoppiare tutti i terun con gli abitanti di Grumello del Monte per ripulire il sangue infetto.

Se proprio vogliamo dirla tutta anche Salvini è a sud di altro: il nostro Lumbard non è che ha i tratti tipici dello svedese. Anzi, in Scandinavia lo prenderebbero per un Lemmino, e almeno lì sarebbe una specie protetta. Però a queste latitudini il nostro Lemmino fa il politico, quindi non ci  venissero a dire che non siamo democratici; quale altra classe dirigente può vantare una tale ricchezza faunistica? Siamo la foresta amazzonica del politicume, le Galapagos dell’intrallazzo.

Caro Monsignor Galantino, mi permetta, ma lei non ha capito niente! L’immigrato non è un problema ma un’opportunità e, guardando Mafia Capitale, anche un affare.

Da che è mondo è mondo il nemico comune fa branco, e se il suddetto è già ferito, indebolito e denigrato è fatta! Tutti sembriamo più forti se ce la prendiamo con il più debole, e se il debole viene da giù, dalla bassa, è addirittura un terno al lotto, perché si sa che lo straniero ci sta già pregiudizialmente sui coglioni. Eh sì, così possiamo spruzzarci su un po’ di fobia antislamica condita con l’intramontabile e sempre efficace esclamazione “Mammaliturchi”.

Caro Priore, pardon … Monsignore, qualsiasi politiculo di terza categoria su un’occasione del genere  si sarebbe buttato a pesce, figuriamoci Salvini che in teoria dovrebbe intrecciare cesti di vimini sotto tranquillanti! Eh su!

Non conta se l’Italia è solo il terzo paese per richieste di asilo: da noi i richiedenti sono poco più di 64.000, in Svezia 81.000, mentre in Germania addirittura 202.000. Ma il guaio non sono i numeri ma la capacità di affrontarli seriamente e con coscienza, e da queste parti è cosa tristemente nota che mancano proprio serietà e coscienza.

Non importa neanche se rispetto all’anno scorso i migranti sono aumentati solo dell’8% e tutte le catastrofiche previsioni sugli sbarchi si sono rivelate delle  bufale ! Figuriamoci se conta qualcosa che la regione che ospita più migranti è la Sicilia e non la Lombadia. Tutti questi numeri non interessano a nessuno. Chi va a guardarli? Basta accodarsi al gregge e non si sbaglia mai! L’importante è far casino e istillare odio! Funziona sempre!

L’intolleranza verso l’extracomunitario genera consenso … mettiamocelo in testa; per questo Zaia può permettersi di dire che i suoi corregionali non ce la fanno più a sopportare i migranti quando in realtà il Veneto ospita solo 5.184 profughi su una popolazione di 5 milioni di abitanti. Ma non è colpa di Zaia, cosa può farci lui se il “nero spicca”?

commenta: Il lemmino Salvini Vs il Monsignore comunista

fonte foto Mauro Biani

tag: Salvini, Lega, Cei, Galantino,Vaticano,immigrati,profughi,asilo,sbarchi,Zaia,razzismo, governo

 

2 Comments
  1. luigi says

    ancora non si è capito una cosa fondamentale….l’Italia non può accogliere ancora estracomunitari perchè non
    ha strutture per accoglierli…..non ha i soldi per farlo…..si sono tagliati i fondi per salute…..sicurezza…..scuola….mi dite allora cari “cattolici” come li accogliamo????????? I nostri centri di accoglienza non hanno nulla da invidiare ai campi di concentramento…….quindi non facciamo i “buonisti ipocriti” a tutti i costi!!!!!!

    1. Franco Giordano says

      Innanzitutto Luigi grazie per il commento. Ha ragione l’Italia non ha strumenti, né strutture per l’accoglienza adatte e né mezzi per poter affrontare in modo adeguato il fenomeno. Però va chiarita una cosa,l’Europa (che resta quel che è ci mancherebbe) negli anni i soldi li ha mandati e anche tanti, il guaio è che buona parte sono andati nelle tasche di pochi, spariti. Nel programma europeo per la per la gestione dell’asilo e dell’immigrazione per i sette anni 2007-2013 l’Italia ha ricevuto quasi 479 milioni di euro. Questo mezzo miliardo si è praticamente perso per strada. In quei sette anni l’Italia è stato il paese che ha ricevuto più fondi. Per il periodo 2013-2020 ne sono stati elargiti altri 310 milioni (il secondo paese con più fondi per il fenomeno). La domanda vera è: dove sono? Perché nessuno ne parla? Perché per la nostra incapacità di affrontare un fenomeno migratorio inevitabile – mettiamoci in testa che si può far poco, i migranti arrivano e arriveranno – siamo stati lasciati soli? Sì, è vero L’Europa è indifferente, ma i soldi ce li ha dati. Chi se li è presi? Che fine hanno fatto? Lungi dal difendere l’Ue ma se i soldi ce li danno e se li mangiano con l’affare delle cooperative per i migranti e intrallazzi vari credo che qualche domanda dovremmo farcela.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi