Il metano emesso dagli umani è ampiamente sottovalutato

I ricercatori hanno misurato i livelli di metano in campioni di aria antica e hanno scoperto che gli scienziati hanno ampiamente sottovalutato la quantità di metano che gli esseri umani emettono nell'atmosfera tramite combustibili fossili. I ricercatori indicano che la riduzione dell'uso di combustibili fossili è un obiettivo chiave per frenare il cambiamento climatico.

0

Secondo un nuovo studio, gli esseri umani sono responsabili di oltre il 40 % in più di emissioni di metano rispetto a quanto precedentemente stimato.

Un nuovo studio afferma che l’industria petrolifera e del gas ha avuto un impatto molto più drammatico sul clima di quanto si pensasse in precedenza. Poiché la quantità di metano che gli esseri umani emettono nell’atmosfera attraverso i combustibili fossili potrebbe essere fino al 40% in più rispetto alle prime stime mostrate.

Il gruppo di ricercatori dell’Università di Rochester, guidato da Benjamin Hmiel professore di scienze della terra e dell’ambiente, ha misurato i livelli di metano in campioni di aria antica. Le emissioni da fonti umane rappresentano un quarto delle cause dei cambiamenti climatici associate alle nostre attività.

Le emissioni di metano nell’atmosfera sono aumentate di circa il 150 percento negli ultimi tre secoli, e contribuiscono in larga misura al riscaldamento globale. Ha guidato i cambiamenti climatici per decenni, nonostante rimanga meno tempo nell’atmosfera, rispetto all’anidride carbonica, ed è più dannoso quando rilasciato.

Per un periodo di 20 anni dopo il suo rilascio, il metano è 32 volte più potente del biossido di carbonio: ciò significa che intrappola 32 volte più calore per unità di massa. Motivo del suo contributo in proporzioni enormi al riscaldamento planetario. Di conseguenza, un quarto dei cambiamenti climatici di origine antropogenica proviene dalle emissioni di metano.




Il metano è un gas serra la cui fonte può essere perfettamente naturale. I vulcani, ad esempio, emettono metano, così come mucche e batteri. Ma la sua produzione si rivela anche antropogenica, vale a dire di origine umana. Difatti per i ricercatori è stato difficile determinare esattamente da dove provengano queste emissioni; i gas che intrappolano il calore come il metano possono essere emessi naturalmente, oltre che dall’attività umana.

Hmiel sostiene che “L’adozione di normative più rigorose in materia di emissioni di metano nell’industria dei combustibili fossili avrà il potenziale per ridurre il futuro riscaldamento globale. In misura maggiore di quanto si pensasse in precedenza“.

Le fonti di metano si differenziano grazie a un isotopo

La concentrazione complessiva di metano nell’atmosfera è aumentata da 722 ppb, durante il periodo preindustriale, a 1866 ppb nel 2019. Come altri gas serra come l’anidride carbonica, è il valore più alto in 800.000 anni. Il metano è stato a lungo abbastanza problematico per gli scienziati: è difficile calcolare le sue quote antropogeniche poiché ci sono anche molte fonti naturali sulla superficie del pianeta. Il gas ha più o meno la stessa struttura isotopica quando è nell’atmosfera.

Tuttavia, non è del tutto impossibile distinguere tra questi due tipi di metano. Quando proviene da una fonte naturale (vulcano, batteri, mucche, ecc.), Può lasciare alle spalle, al momento del suo rilascio, un isotopo identificabile: il carbonio-14. Gli autori dell’ultimo studio hanno raccolto tonnellate e tonnellate di pezzi di ghiaccio dalla Groenlandia; anche usando i dati antartici per supportare la loro analisi. L’obiettivo: utilizzarlo come macchina del tempo nell’atmosfera, per rintracciare la presenza dell’isotopo carbonio-14 tra il 1750 e il 2013.

Le emissioni vanno dal 25 al 40%  in più del previsto

L’analisi dei pezzi di ghiaccio mostra che esiste un periodo chiave, intorno al 1870. In precedenza, i livelli di metano erano piuttosto bassi e la loro fonte era soprattutto naturale. Quindi, i livelli saltano e contengono molto meno carbonio-14, che cade, il che è più in correlazione con lo sviluppo di un’industria basata sui combustibili fossili. (E quindi il rilascio di metano nell’aria).

Oltre a rappresentare l’ennesima conferma dell’aumento delle emissioni di metano di origine umana, lo studio indica anche che il nostro contributo è stato ampiamente sottovalutato. La differenza non è da meno: le emissioni di metano antropogenico rappresenterebbero da 38 a 58 teragrammi in più rispetto a quanto affermato dalle stime precedenti, il che implica che sono tra il 25 e il 40% in più del previsto.

Tuttavia, Benjamin Hmiel, insiste fa notare che questo lavoro di ricerca non deve essere considerato una cattiva notizia in sé. Lo ricorda dal momento in cui le emissioni di metano sono essenzialmente di origine umana, quindi abbiamo il pieno controllo su di esse, perché il metano si comporta più immediatamente di altri gas serra problematici. ”  Se interrompessimo tutte le emissioni di biossido di carbonio, gli alti livelli di biossido di carbonio nell’atmosfera persisterebbero a lungo. Il metano è importante da studiare perché se  apportiamo modifiche alle nostre attuali emissioni, si rifletterà più rapidamente “.

 

Felicia Bruscino
Photo by Mladen Borisov on Unsplash

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi