Libano: il virus si diffonde tra crisi economica e politica

Il coronavirus colpisce il Libano nel mezzo di una spirale politica, economica e sociale in crescita causando panico, carenze alimentari e difficoltà. Migliaia sono a rischio di estrema povertà.

 Il Libano deve affrontare una delle maggiori sfide della sua storia recente . Alla sazietà sociale, la crisi economica e quella dei rifugiati si aggiunge ora la pandemia del coronavirus. La diffusione dell’agente patogeno in Medio Oriente arriva in un momento delicato per il paese dei Cedri. Con un debito pubblico del 150%, uno dei più alti al mondo e un deficit dell’11%, lo Stato è costretto a impiegare le sue scarse risorse per gestire l’emergenza sanitaria.

 Dall’autunno 2019, il Paese era già scosso da una grave crisi economica e finanziaria e, secondo un funzionario del Ministero delle finanze, quasi il 45% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Il rallentamento dell’attività ha aggravato ancor più le difficoltà. Ragion per cui il governo, all’inizio di marzo, ha infatti annunciato il primo default nella sua storia.

Il tasso di inflazione potrebbe raggiungere anche il 25% nel 2020, sollevando il timore di un aumento incontrollato dei prezzi e di una svalutazione di fatto della sterlina libanese sui mercati paralleli. Il disavanzo pubblico primario potrebbe raggiungere il 4% nel 2020, mentre le riserve monetarie sono al minimo. Sul lato monetario e finanziario, si rilevano ingenti squilibri con una valuta locale sopravvalutata, per mantenere un flusso monetario positivo in valuta estera e anche una bilancia dei pagamenti positiva. Tuttavia, la bilancia commerciale è rimasta ampiamente in deficit.

Per di più il virus ha minato gli sforzi per affrontare altre criticità come: la corruzione, le tensioni settarie e la cattiva governance. E, molto probabilmente acutizzerà sempre più l’instabilità politica. Incrementerà il ​​conflitto tra fazioni politiche rivali, in competizione per garantire scarse risorse mediche ai loro sostenitori. Aggraverà le tensioni tra cittadini libanesi e rifugiati disperati che si sono inondati dalla vicina Siria.

La mancanza di un’infrastruttura statale coerente

 Scrivendo sull’impatto di quello che ha definito “l’esperimento neoliberista sul settore pubblico del Libano“, il giornalista Kareem Chehayeb ha sostenuto che: “Il Libano è stato per decenni uno dei principali esperimenti mondiali nel libertarismo estremo. Che illustra ciò che accade a una società con poca o nessuna regolamentazione del governo o protezione della società “.

La mancanza di un’infrastruttura statale coerente ha portato ad un approccio patchwork alla pandemia. Esercitando un’enorme pressione sulle risorse limitate di un sistema sanitario pubblico oscurato da istituzioni a scopo di lucro. che sono fuori portata per molti libanesi.  Se non la maggior parte.  Inoltre, la crisi ha fornito spazio alla ri-settarizzazione degli spazi pubblici. Mentre i partiti politici tradizionali si spostano per ribadire la loro rilevanza per le rispettive comunità.

L’élite politica nel Paese – conosciuta collettivamente come Zu’ama – non solo ha organizzato campagne correlate alla pandemia, inclusi test drive, ma ha anche donato ingenti somme di denaro. Per sostenere gli ospedali nei rispettivi collegi elettorali.  Saad Hariri e Najib Mikati, per esempio, hanno donato migliaia di dollari per sostenere le strutture nei collegi elettorali chiave nel nord del Libano.




Inoltre, partiti come Hezbollah e il Free Patriotic Movement hanno lanciato i loro sforzi anti-coronavirus, incluso lo spiegamento di professionisti medici. In assenza della capacità dello Stato di lanciare una risposta coerente. Da parte del governo, questo potrebbe essere più un problema di capacità che di volontà.  Tutto ciò rappresenta una battuta d’arresto per il movimento di protesta che aveva già lottato con gli sforzi dei partiti politici tradizionali per armare il settarismo come mezzo di delegittimazione.

 La pandemia ha messo in luce la disperata necessità di aumentare le spese e l’effettiva attuazione delle reti di sicurezza sociale. Compresa l’assistenza sanitaria. Anche con un piano coerente, ciò richiederà un’allocazione di decine di miliardi di dollari. Che potrebbe essere sostenuta solo se accompagnata da significative riforme economiche e politiche. Incentrate sulla costruzione di equità nel paese – qualcosa che non è garantito date le attuali circostanze.

Qual è il futuro di un Paese in cui metà della popolazione rimane disoccupata? 

Per il Libano, il doppio shock del coronavirus e il basso prezzo del petrolio si aggiungono alla crisi finanziaria che ha afflitto il paese dallo scoppio delle proteste di massa dell’anno scorso. Già nel 2019, la Banca mondiale ha previsto che la percentuale della popolazione libanese che vive al di sotto della soglia di povertà aumenterà dal 30 al 50% entro il 2020.

L’attuale crisi economica, che ha portato a proteste nazionali che durano diversi mesi ha lasciato la maggior parte della popolazione senza mezzi per far fronte a queste ulteriori difficoltà.  Va anche notato che oltre l’80% dei lavoratori in Libano ha un lavoro precario, informale e stagionale, con salari vicini alla soglia di povertà. La sterlina libanese si è deprezzata di circa il 50% rispetto al dollaro USA. E le banche hanno imposto controlli sui capitali che impedivano i trasferimenti e limitavano i prelievi di contanti in dollari.

Questa valutazione della sterlina libanese ha aumentato significativamente i prezzi dei prodotti di base come cibo e medicine. Secondo Human Right Watch, il prezzo di un paniere alimentare contenente prodotti di base che dovrebbero durare due settimane per una famiglia è aumentato di oltre il 25%. Passando da 80.000 sterline libanesi a 108.000 (70 euro).   Il programma nazionale di lotta alla povertà di emergenza è la principale risposta ufficiale alla povertà, ma gli esperti hanno criticato il programma in quanto inadeguato e non capace di raggiungere i più poveri

Se durante le prime settimane, i libanesi si sono comportati bene, ci sono stati qua e là da aprile atti a dir poco incivili. Come nel caso di Tripoli, dove si sono verificate rivolte della fame. Quando una parte della popolazione molto colpita dalla crisi economica e che non può più far fronte a questa situazione di crisi è aumentata. La disperazione di questa sezione della popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà a volte li porta a gesti drammatici.

Senza rimesse, la crisi peggiorerà 

 Un altro punto importante da considerare è quello dei trasferimenti di denaro. Il Libano ha un gran numero di cittadini espatriati che inviano denaro a casa. A luglio 2019, le rimesse totali per quell’anno avevano raggiunto il picco di $ 3,5 miliardi. In genere, i trasferimenti di denaro vengono inviati attraverso società di servizi monetari come Western Union o vengono fisicamente trasportati. Ma poiché non arrivano furti dall’Europa o dai paesi del Golfo, il flusso di rimesse è stato interrotto.

Tradizionalmente, l’afflusso di rimesse è stato un’importante fonte di reddito per i paesi in crisi e, quando ci sono problemi nel paese di origine, le rimesse tendono ad aumentare. Ma la riduzione degli afflussi mette a rischio l’economia, non solo per molte famiglie, ma anche per il Paese. Secondo gli esperti, il PIL del Libano dovrebbe contrarsi da $ 55 miliardi nel 2018 a $ 34,4 miliardi quest’anno.

Alla fine di marzo, la Banca centrale del Libano ha rilasciato una dichiarazione che consente alle banche di estendere i prestiti a cinque anni senza interessi. Sebbene il governo libanese abbia prorogato le scadenze per il pagamento di tasse e bollette, non ha attuato provvedimenti per sospendere l’affitto o il pagamento dei mutui.

Il Fondo monetario internazionale ha dichiarato che fornirà fondi di emergenza per i paesi che lottano per far fronte all’impatto economico di COVID-19. La Banca mondiale ha già approvato la riassegnazione di denaro da un progetto esistente. per aumentare la capacità del sistema sanitario libanese di far fronte al virus.

 È probabile che la pandemia aggravi l’instabilità politica in Libano. Alimenti i conflitti tra fazioni politiche rivali e peggiori le già forti tensioni tra i cittadini libanesi. Indipendentemente dagli sforzi delle élite politiche tradizionali, quasi la metà della popolazione libanese potrebbe finire sotto la soglia di povertà post-pandemia.

 

Felicia Bruscino

 

Foto di Maxime Guy su Unsplash

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *