La Camera Di Valentina, 04: Ilaria Clari

0

Ilaria Clari: acquarelli delicati per pensieri sconci.

Ilaria Clari, Torino, classe ’85: Valentina si è spostata nella vecchia capitale d’Italia e si è fatta un tuffo in un mare di pelle rosa come la pesca, esplicita come un porno amatoriale.




L’acquerello è una tecnica raffinata e complicata nella pittura. Sembra semplice e invece richiede una dedizione e un tempo per nulla scontati.

Gli scorci di umanità che Ilaria Clari dipinge necessitano inspiegabilmente dell’acquerello per essere narrati, come se un colpo di pennello in più o uno in meno danneggiasse per sempre la loro essenza.

Tratti leggeri, intensificati nel colore in quelle parti del corpo che necessitano di essere enfatizzate, e colori tenui ritraggono omini dagli occhi pesanti e fissi, impegnati in giochi sconci in compagnia o in solitudine.

Ogni Uomo è Un’Isola

Ilaria Clari
pinterest.com

Sul sito di Ilaria Clari è possibile vedere tutti i suoi lavori denominati “pink color“. Acquerelli, per l’appunto, su carta ruvida aventi, come soggetti, omini deformi.

Nudi, in tutto lo splendore dell’adult content – clicca se hai 18 anni -. La magia dell’acquerello sovrappone un corpo a un altro con la sola intensificazione del colore, che dal più scuro – chi sta sotto, tra te e me? – passa a quello più chiaro – chi sta sopra, stavolta? –, mentre lo scenario è un fermo immagine su un rapporto sessuale.

Moltissimi sono anche gli acquerelli che ritraggono seni, vagine o peni come piante e paesaggi naturali. L’immagine dell’isola in cui alcuni omini arenano è ricorrente nell’immaginario di Ilaria Clari.

Ilaria Clari
pinterest.com




Questo sembra essere l’umanità che questa giovane illustratrice torinese vuole raccontare: c’è la pornografia, sì, che sembra sempre includere un duo e invece, sorprendentemente, c’è anche moltissima solitudine.

Così come il sesso rientra nell’indagine più spontanea è naturale e implichi relazioni a due (ma anche a più, come non manca di mostrarci) allo stesso modo è motivo di perdita e isolamento, come possibile percorso di approccio ad esso.

Sarà questo il motivo di tanti occhi scavati, in questi corpi un po’ deformi e sgraziati?

La tua pelle, così…

Il colore predominante di questi acquerelli è, come suggerisce anche la raccolta che li racchiude, il rosa. Solo il rosa si staglia in questo foglio bianco, ruvido, perfetto per assorbire l’enorme quantità di acqua che richiede l’acquerello.

Ilaria Clari
pinterest.com

La pelle è l’unica via comunicativa tra questi uomini di Ilaria Clari. E d’altronde così è il sesso, che sia masturbazione o rapporto sessuale. Attraverso l’epidermide ognuno si riconosce, in sé o nell’altro.

E solo il rosa nel suo chiaro-scuro indica la quantità di soggetti, la loro sovrapposizione gli uni sugli altri e la differenza tra ciascuno. Il rosa e nessun altro colore.

Ilaria Clari
pinterest.com

Se andaste a cercare uno qualunque dei tanti manuali di psicologia del colore che si trovano facilmente su internet – più o meno attendibili -, trovereste che molti vi suggeriscono il rosa come colore simbolo dell’amore.

Ed è l’amore, forse, che guida tutto questo erotismo, questa pornografia spiccia. L’amore per un’umanità che, seppur stanca come quegli occhi, sgraziata come i loro corpi, resiste.

Il rosa è anche femminilità, candore e innocenza. E non si può negare tutto ciò agli acquerelli di Ilaria Clari. Così sconci, espliciti, solitari, intensi e delicati come siamo noi, quando ci perdiamo e ci ritroviamo.

 

GDB

La Camera Di Valentina, 00

La Camera Di Valentina, 01

La Camera Di Valentina, 02

La Camera Di Valentina, 03

 

 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi