Impronta di carbonio: il peso dell’esercito globale

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

Gli eserciti rappresentano oltre il 5,5% delle emissioni globali. Quanto i militari contribuiscono alle emissioni di gas serra in tutto il mondo, secondo una nuova stima del Conflict and Environment Observatory (CEOBS) e degli Scientists for Global Responsibility (SGR). Ciò rappresenta più emissioni rispetto alla Russia o al Giappone. 

Affrontare la crisi climatica implica trasformare tutti i settori della società. Anche le forze armate, la cui attività comporta un grande consumo di combustibili fossili, che contribuisce al riscaldamento globale dell’atmosfera. Nel 2019, l’impronta di carbonio dell’industria militare in Europa è stata di circa 24,8 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, un valore che include tutti i gas serra. Ciò equivale alle emissioni di almeno 14 milioni di automobili.

C’è una crescente preoccupazione tra gli ambientalisti sulla misura in cui i militari contribuiscono al cambiamento climatico, che è stato a lungo difficile da determinare a causa della mancanza di dati raccolti e distribuiti dai militari stessi.

Ma due organizzazioni con sede in Gran Bretagna, Scientists for Global Responsibility e Conflict and Environment Observatory, hanno sviluppato una metodologia per stimare un totale per il mondo e le sue principali regioni politiche. Hanno stabilito che i militari hanno un’impronta di carbonio combinata maggiore di quella di tutti i paesi tranne tre: Cina, Stati Uniti e India.

Il 10 novembre, l’ Osservatorio sui conflitti e l’ambiente (CEOBS) e gli scienziati per la responsabilità globale (SGR) hanno pubblicato il loro rapporto. ‘Estimating the military’s global greenhouse gas emissions’’, confrontando l’impronta di carbonio militare su scala globale.

La mancanza di rapporti e significative lacune nei dati significa che è intrinsecamente difficile stimare le emissioni totali di gas serra delle forze armate mondiali. Tuttavia, i dati disponibili indicano che se le forze armate del mondo fossero viste come un unico paese, avrebbero la quarta più alta impronta di carbonio.

CEOBS e SGR hanno utilizzato una nuova metodologia innovativa per fornire stime aggiornate per le emissioni militari globali e regionali di gas serra. Questa metodologia prende come punto di partenza le emissioni di gas serra operative pro capite del personale attivo, operando una divisione tra emissioni ‘stazionarie’. Provenienti da basi militari, ed emissioni ‘mobili’. Derivanti dall’uso di aerei, navi, veicoli terrestri e veicoli spaziali.




Dopo aver utilizzato come punto di partenza i dati disponibili sulle emissioni militari stazionarie totali di Regno Unito, Stati Uniti e Germania, viene stabilito un rapporto tra emissioni mobili e stazionarie basato su una serie di fattori riguardanti il ​​tipo e la frequenza dell’attività militare. Le emissioni globali sono calcolate moltiplicando le emissioni medie di cancelleria e mobile per il numero di personale armato di ciascun Paese.

Utilizzando questa metodologia, CEOBS e SGR rilevano che l’impronta di carbonio militare totale è di circa il 5,5% delle emissioni globali. Ciò significherebbe che le emissioni militari supererebbero le emissioni totali dalla Russia. Queste stime sottolineano l’urgente necessità di un’azione concertata. Sia per misurare in modo solido le emissioni militari sia per ridurre la relativa impronta di carbonio. Soprattutto perché è molto probabile che queste emissioni aumentino a seguito della guerra in Ucraina. Sulle emissioni legate a questo conflitto è stato lanciato un altro rapporto durante la COP27 .

Un problema con la stima delle emissioni militari è la mancanza di dati pubblicamente disponibili che solo in parte sono correlati alla considerazione strategica di non svelare l’uso di energia, e quindi l’entità e le posizioni delle attività militari. Tuttavia, ciò è incompatibile con gli obiettivi di decarbonizzazione. I militari devono trovare modi per segnalare le emissioni utilizzando metodologie di raccolta dati coerenti, inequivocabili e solide e accelerare l’azione per ridurle, come abbiamo anche sostenuto in un contributo al World Climate Security Report .

Conflict and Environment Observatory (CEOBS)

CEOBS è stato lanciato nel 2018 con l’obiettivo principale di aumentare la consapevolezza e la comprensione delle conseguenze ambientali e umanitarie derivate dai conflitti e dalle attività militari. In questo, cerca di sfidare l’idea dell’ambiente come ‘vittima silenziosa del conflitto armato’. Guidati dal principio che l’accesso a informazioni ambientali affidabili è vitale in relazione ai conflitti armati. In effetti, l’apertura e la trasparenza sono fondamentali quando l’ambiente diventa politicizzato.

Il rapporto completo di Conflict and Environment Observatory (CEOBS) e Scientists for Global Responsibility è disponibile qui: ‘Estimating the military’s global greenhouse gas emissions’.

 

Felicia Bruscino 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *