In Bielorussia un sedicenne epilettico è stato condannato a 5 anni di carcere

La speranza per una Bielorussia libera diminuisce sempre più. Mikita Zalatarov, che soffre di epilessia, è stato condannato alla prigione per aver rivendicato il proprio diritto di espressione. La propria libertà di pensiero e la tutela della democrazia.

Un tribunale nella città di Homel, Bielorussia, ha condannato un ragazzo di sedici anni, arrestato in agosto, a cinque anni di carcere. Mikita Zalatarou, assieme ad altri due ragazzi, è stato condannato per aver partecipato alle manifestazioni popolari contro il governo bielorusso. I tre sono stati arrestati sulla scia delle proteste a livello nazionale iniziate dopo che Alyaksandr Lukashenko, che guida il Paese dal 1994, è stato dichiarato vincitore alle elezioni del 9 agosto 2020.

La sentenza è stata emessa lo scorso 22 febbraio dal Giudice Dzmitry Deboy del tribunale distrettuale di Chyhunachny. Mikita Zalatarou, il 25enne Dzmitry Karneyeu e il 28enne Leanid Kavalyou sono stati giudicati colpevoli di aver preso parte alla “disobbedienza civile di massa“. Mikita Zalatarov, che soffre di epilessia, detenuto dall’11 agosto, è stato condannato a cinque anni di carcere. Karneyeu e Kavalyou sono stati condannati rispettivamente a otto e sei anni. Tutti e tre condannati ai sensi dell’articolo 364 del codice penale. (Violenza contro la polizia).

I tre, infatti, sono stati accusati di aver partecipato a rivolte di massa accompagnate da “incursioni e incendi”. Resistenza armata a rappresentanti delle autorità”, nonché violenza contro la polizia, azioni illegali con sostanze infiammabili. Kavaliou è stato anche accusato di “coinvolgimento di un minore nella commissione di reati ”.

Dopo il verdetto, si dice che in tribunale si siano svolte scene drammatiche.

Il sedicenne, affetto da epilessia, ha avuto un attacco isterico. Si è lanciato contro le sbarre della cella dove erano stati collocati lui e gli altri imputati gridando: “Fatemi uscire di qui!“. Mikita è stato accusato dal tribunale di “violento teppismo“. Le forze di sicurezza hanno fatto irruzione in casa sua e lo hanno portato via come un criminale.

Il papà di Mikita ha dichiarato, in un’intervista, che la polizia aveva picchiato duramente suo figlio subito dopo il suo arresto nell’agosto 2020. E di nuovo durante la detenzione preventiva. L’avvocato ha sporto denuncia, ma le autorità non hanno riscontrato il reato. Inoltre il giovane ha dichiarato alla corte che non gli erano state somministrate pillole nel centro di detenzione preventiva. Farmaci di cui aveva bisogno quotidianamente per curare le sue condizioni mediche.




Gli avvocati hanno affermato nei loro discorsi che le azioni dei loro clienti non costituiscono un crimine ai sensi dell’articolo 293 del codice penale. Dove le rivolte di massa sono associate a “pogrom, incendio doloso, distruzione deliberata di proprietà, resistenza armata“.

Innesco delle proteste: brogli elettorali

Le proteste in Bielorussia vanno avanti da più di sei mesi. È stato innescato dalle elezioni e dalla loro evidente manipolazione. I cittadini accusano il presidente Alyaksandr Lukashenko di aver falsificato i risultati per rimanere in carica.

In molti sono scesi nelle piazze per protestare, pacificamente, contro il regime di Lukashenko. Si sono verificati diversi arresti e si parla di tortura da parte dei funzionari della sicurezza. Almeno nove persone sono morte. Alcuni manifestanti sono stati uccisi, altri sono stati condannati a pene detentive. Le organizzazioni per i diritti dicono che ci sono prove credibili dell’uso della tortura contro alcuni detenuti.

Alyaksandr Lukashenko nega qualsiasi illecito in merito alle elezioni. E si rifiuta di negoziare, con l’opposizione, le dimissioni e il nuovo voto. Molti Paesi, compresa l’UE , non riconoscono il risultato elettorale, e Lukashenko come leader legittimo della Bielorussia.

Per dirla chiaramente: Lukashenko può fare ciò che vuole – e continua a farlo: i casi giudiziari scuotono il Paese. La cui popolazione desidera così tanto la democrazia.

 

Felicia Bruscino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *