In cerca di rispettabilità, bitcoin si rivolge al nucleare

La criptovaluta, contrariamente al clamore, è un grande business. La sola energia elettrica necessaria per supportare e mantenere la rete bitcoin oggi è stimata in 64TWh all’anno. È paragonabile alla potenza totale consumata dal paese della Grecia. L’estrazione di bitcoin può essere responsabile dello 0,5% dell’energia elettrica totale consumata in tutto il mondo. 

Al di là della sua reale utilità e della grande instabilità del suo prezzo, una delle principali critiche generalmente mosse alle criptovalute, in particolar modo a bitcoin, è il suo uso gargantuesco di energia .

I potenti computer necessari per “estrarre” i bitcoin richiedono infatti molta potenza per funzionare. Poiché il cambiamento climatico continua a devastare il pianeta , questo non è esattamente ciò che ci si può aspettare da una tecnologia che si spaccia per il futuro delle transazioni finanziarie.

Per migliorare l’immagine della propria valuta virtuale, alcuni minatori cercano quindi, per quanto possibile, di rendere “verde” la propria criptovaluta. Per questo si stanno formando sempre più partnership tra aziende del settore bitcoin e nucleare.

Oklo, una start-up che progetta di costruire mini reattori nucleari , ha annunciato a luglio una partnership ventennale con Compass, una società mineraria. Nello stesso mese, Energy Harbor, anch’essa coinvolta in uno scandalo di corruzione , annunciò che avrebbe fornito energia nucleare al centro minerario di Coshocton in Ohio.

Da parte sua, la società Talen Energy prevede di costruire un data center dedicato al bitcoin accanto alla sua centrale nucleare in Pennsylvania. Nonostante questi piani, ci sono poche possibilità che le criptovalute diventino veramente neutrali dal punto di vista ambientale.

Nuova era (nucleo)

Prima di tutto, questi pochi progetti sono solo una goccia nel mare. Prima che il Paese entrasse in guerra con le criptovalute , la realtà del mining di bitcoin era principalmente in Cina , dove la produzione di energia è molto inquinante. Da allora le attività si sono spostate in paesi le cui centrali elettriche non sono a priori molto più neutrali.

E anche se gran parte delle fattorie di bitcoin fossero collegate a reattori nucleari, le criptovalute diventerebbero rispettose dell’ambiente?

L’energia nucleare è certamente “verde” nel senso che non emette gas serra, ma scorie nucleari che possono rimanere attive per centinaia di migliaia di anni ei disastri umani e ambientali che può causare non ne fanno una soluzione assoluta.

A questo livello, la domanda non è tanto “l’energia utilizzata per far funzionare bitcoin è verde?” che “è davvero necessaria una moneta che consuma così tanta energia per funzionare?” .

Soprattutto perché il mining di bitcoin non è davvero un’attività che può essere descritta come sostenibile. Dalla creazione della criptovaluta ci si aspettava che in tutto potessero esserci solo 21 milioni di bitcoin: ne sono già stati minati circa 18,5 milioni. Ci vorrà molto tempo prima che venga prodotto l’ultimo bitcoin, ma la ricompensa finanziaria per l’estrazione di un bitcoin viene dimezzata ogni quattro anni.

I data center in essere dovranno poi fare affidamento sull’imposta pagata per ogni transazione, che rischia di aumentare notevolmente. Impossibile quindi sapere come si comporterà il bitcoin, già molto volatile, tra qualche anno.

Perché gli operatori di energia nucleare dovrebbero prendere in considerazione l’estrazione mineraria

C’è una congruenza di fattori che spingono gli operatori a considerare il mining di criptovalute oggi. Considera un futuro in cui parti della produzione di centrali nucleari sono rese ridondanti da fonti rinnovabili a basso costo. L’energia nucleare rimane una delle nostre risorse generatrici più affidabili. Ma poiché gli operatori di rete commissionano ulteriori fonti di generazione intermittente (ad es. eolica e solare), le caratteristiche di queste fonti continueranno a sfidare gli impianti di carico di base esistenti. Quando l’energia eolica e solare producono a piena capacità, una parte dell’energia di un impianto di carico di base può essere classificata come eccedente.




Se l’energia non viene ridotta, l’abbondanza di energia sulla rete può portare a situazioni in cui le utility pagano i clienti per prendere l’elettricità (prezzi energetici negativi). Per molte ragioni, ridurre l’energia da un impianto di carico di base non è né tecnologicamente ideale né economico. Le centrali elettriche di carico di base dovranno adattare il loro modello operativo alla nuova realtà delle risorse intermittenti che riforniscono la rete.

La California ora sperimenta costantemente prezzi negativi, specialmente nelle giornate di sole e quando i serbatoi della centrale idroelettrica sono pieni. Anche l’Europa è alle prese con questo fenomeno. Di recente, il prezzo spot dell’energia è diventato negativo per periodi di tempo significativi. La Germania ha registrato più di 125 ore di prezzi negativi nel 2017 e nel 2018. Il nord-ovest del Pacifico ha registrato prezzi negativi a causa dell’inflessibilità delle fonti di produzione già nel 2011.

Questi eventi evidenziano un elenco crescente di domande che i produttori di energia elettrica dovranno affrontare:

  • Cosa ci riserverà il futuro se le centrali nucleari di grande carico non potranno più competere?
  • E se il consumatore richiedesse solo una parte dell’energia prodotta dall’impianto?
  • C’è valore nel mantenere il funzionamento di una centrale nucleare solo per la domanda notturna e altri periodi di scarsa disponibilità di energie rinnovabili?

Gli impianti nucleari con sede negli Stati Uniti si sono concentrati sull’efficienza della produzione senza sacrificare la sicurezza attraverso un’iniziativa del settore chiamata Delivering the Nuclear Promise. Questo sforzo nel complesso ha avuto successo e continuerà a ridurre i costi. Tuttavia, ci sono altri modi per aumentare i profitti trasformando un potenziale problema di potere in eccesso in una nuova fonte di reddito.

Il team di ScottMadden ha ricercato soluzioni che vanno oltre il taglio dei costi e in nuovi modelli di business per gli impianti nucleari di carico di base. Durante la ricerca sull’idrogeno e sulla cogenerazione nucleare, abbiamo preso in considerazione altre industrie che richiedono una notevole quantità di energia elettrica, hanno un ingombro ridotto e un basso sovraccarico. Questo articolo esplora la proposta di valore del mining di criptovalute.

 

Felicia Bruscino 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *