Incidente sul lavoro, operaio precipita da tetto e muore a Castelfiorentino

La vittima è caduta da un'altezza di 10 metri a causa di un cedimento della struttura

0

Ancora un incidente sul lavoro dall’esito mortale nel nostro paese. Stavolta la vittima è un operaio albanese di 27 anni, precipitato dal tetto di un capannone industriale sul quale stava lavorando. La tragedia è avvenuta questa mattina alle porte di Castelfiorentino, in Toscana.

 




UN VOLO DI DIECI METRI

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il giovane si trovava sul tetto del magazzino della Veca Group, azienda messa in liquidazione nel 2011, per eseguire lavori di sostituzione della guaina in catrame. Con lui c’era anche lo zio. All’improvviso la struttura avrebbe ceduto e l’operaio sarebbe caduto da un’altezza di dieci metri. Un volo rivelatosi fatale. In seguito, la copertura del capannone avrebbe preso fuoco. Inizialmente si era pensato che l’operaio fosse precipitato proprio nel tentativo di sfuggire alle fiamme. Un’ipotesi che poi è stata invece smentita.

SOCCORSI TEMPESTIVI MA INUTILI

Sul posto sono accorsi immediatamente i vigili del fuoco, che hanno spento l’incendio, oltre ai carabinieri della locale stazione e all’ambulanza del 118. E’ stato inviato anche l’elisoccorso Pegaso, ma non c’è stato modo di usarlo. Per l’operaio non c’è stato nulla da fare. Con ogni probabilità è morto sul colpo. Inutile ogni tentativo di soccorso. L’area dell’incidente al momento è stata posta sotto sequestro. Sul posto stanno operando anche i tecnici della prevenzione della ASL Toscana centro. Il cadavere dell’operaio è stato invece trasportato all’istituto di medicina legale di Careggi, dove nei prossimi giorni si svolgerà l’autopsia.

IL PRECEDENTE DEL 2011

Le indagini su quanto accaduto dovranno anche verificare se tutte le misure di sicurezza venivano rispettate e se l’operaio aveva un regolare contratto di lavoro. Inoltre c’è da dire che la Veca era già finita al centro di un caso di cronaca molto simile nel 2011, quando un altro operaio, anche lui albanese, precipitò a sua volta dal tetto dell’azienda morendo sul colpo. Si scoprì poi che era un irregolare e che il suo permesso di soggiorno era scaduto.

 

DINO CARDARELLI

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi