L’inquinamento da farmaci colpisce i fiumi di tutto il mondo

Dalla parte di chi lotta per essere riconosciuto, dell'essere umano e dei suoi diritti.
Contribuisci a preservare la libera informazione.

DONA

È un inquinamento incolore, inodore, ma comunque onnipresente: quello dell’acqua da parte dei prodotti farmaceutici. Un nuovo studio, pubblicato il 14 febbraio sulla rivista PNAS, permette di prendere coscienza della sua grandezza. Un team di 127 ricercatori internazionali ha analizzato la qualità dell’acqua di 258 fiumi in 104 paesi diversi. I risultati mostrano che un quarto dei fiumi del mondo contiene composti farmaceutici a livelli potenzialmente tossici.

Se lo sviluppo e l’uso di farmaci hanno migliorato la nostra salute e la nostra aspettativa di vita, i loro residui sono fattori di inquinamento e hanno anche un impatto sull’ambiente e sugli organismi viventi. Per la prima volta, un vasto studio internazionale guidato dall’Università di York (Regno Unito), che ha coinvolto più di 80 istituti di ricerca, ha analizzato l’inquinamento di 258 fiumi in un centinaio di paesi nei cinque continenti.

I loro risultati, pubblicati il ​​14 febbraio su PNAS, mostrano che tutti i fiumi studiati sono contaminati da residui di farmaci. E che un quarto dei siti campionati presenta livelli di inquinamento potenzialmente pericolosi per la biodiversità acquatica.

I residui dei farmaci che consumiamo vengono eliminati e scaricati nelle acque reflue e infine, in parte, nei fiumi. Tuttavia, se i farmaci sono progettati per avere un’azione precisa sugli esseri umani. I loro impatti sono imprevedibili su altri organismi viventi (pesci, crostacei, microrganismi, flora, ecc.) e possono interromperne la biologia e il ciclo vitale.

La diagnosi di inquinamento da farmaci è già ben consolidata in alcune regioni del mondo. Come il Nord America, l’Europa occidentale o la Cina. Ma non esisteva uno studio globale che consentisse di fare il punto della situazione a livello globale. Per questo l’Università di York ha lanciato nel 2018, insieme ad altre 86 istituzioni nel mondo, un ampio studio per analizzare campioni provenienti da 258 fiumi in 104 paesi dei cinque continenti. 36 dei quali non erano mai stati studiati.




Indipendentemente dal fatto che vengano utilizzate in medicina umana o veterinaria, molte sostanze farmaceutiche vengono in parte rilasciate nell’ambiente dopo il consumo. Eliminati per via urinaria o fecale, lasciano poi nelle acque reflue o nella loro forma attiva iniziale o sotto forma di sostanze derivate.

Tuttavia, gli impianti di trattamento non eliminano completamente i farmaci . La loro efficacia varia a seconda dei processi di trattamento attuati e rimane piuttosto bassa per alcune sostanze.

Lo studio ha incluso grandi fiumi come l’Amazzonia, il Mississippi o il Mekong con siti di campionamento in aree in cui non vengono utilizzate droghe moderne. Come un villaggio Yanomami in Venezuela e in città tra le più popolate del pianeta come New York o Delhi.

Tutti i fiumi sono contaminati da residui di farmaci

Durante lo studio sono stati prelevati 1052 campioni in tutto il mondo secondo lo stesso protocollo. E le concentrazioni di sostanze medicinali sono state misurate dallo stesso laboratorio per analizzare il grado di contaminazione dei corsi d’acqua. La scala dello studio consente una visione globale di questa contaminazione presente nei corsi d’acqua analizzati in tutti i continenti. Anche se variabile per concentrazione e frequenza.

I risultati mostrano che il grado di inquinamento dei fiumi è correlato alle condizioni socio-economiche del Paese. I siti più contaminati sono quelli dei Paesi a basso reddito e con scarso o nessun sistema di trattamento delle acque reflue domestiche. O provenienti dalle industrie farmaceutiche.

Alcune regioni che non erano mai state studiate prima (Sud America, l’Africa subsahariana e parti dell’Asia meridionale) sono tra le più colpite dall’inquinamento da farmaci, con concentrazioni cumulative particolarmente elevate. Ad esempio, gli esperti hanno riscontrato elevate concentrazioni di sostanze medicinali in Pakistan e in Bolivia.

Lo studio rivela inoltre che un quarto dei siti studiati presenta una concentrazione di contaminanti potenzialmente pericolosi per l’ambiente. In particolare per due antibiotici (sulfametossazolo e ciprofloxacina). Un antistaminico (loratadina) e un farmaco utilizzato nel trattamento della pressione alta (propranololo).

Questo studio ha permesso, per la prima volta, di redigere un inventario rappresentativo dell’inquinamento da farmaci nei fiumi di tutto il mondo. Compresi molti paesi per i quali erano disponibili poche o nessuna informazione .

Tale approccio potrebbe essere applicato in futuro ad altri tipi di ambiente come il suolo, o anche organismi viventi, al fine di sviluppare reti internazionali di monitoraggio dell’inquinamento.

Lo studio fa parte del Global Pharmaceutical Surveillance Project , guidato dall’Università di York (Regno Unito)

Felicia Bruscino 

Stampa questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.