Intelligenza artificiale: flop al Ces 2018 per LG

Al Consumer Electronic Show CloI resta muta in diretta

0

L’intelligenza virtuale è ovunque, soprattutto al Ces. Non solo nel settore elettronico ma anche in quello domestico. Perfino nelle lavatrici. Proprio per “colpa” di quest’ultime il piccolo CloI fa una brutta figura.





In diretta streaming, davanti a una platea di giornalisti di mezzo mondo, l’assistente robotico della coreana LG si blocca. A CloI era stato chiesto di “informarsi” sul tempo che mancava al ciclo di lavaggio di una lavatrice. Ma il robot fa scena muta.

Fonte: Dean Takahashi/VentureBeat

CloI fa quindi flop proprio il giorno del suo “debutto in società”, proprio come il decimo melafonino di casa Apple qualche mese fa. David VanderWaal, vice presidente del marketing LG Electronics USA, ironizza dicendo che il robottino è arrabbiato.

La scelta di LG

Poche settimane fa, LG, aveva dichiarato di voler orientare l’offerta dei propri prodotti sull’intelligenza artificiale. Ha mantenuto la promessa presentando al Ces il nuovo brand: Lg ThinQ Kitchen Solution. Sotto questo nome finiranno i prodotti della società dotati di intelligenza artificiale. Ossia tutti.




La società coreana, infatti, ha deciso di dotare di Wi-Fi tutti gli elettrodomestici che produrrà nel 2018. La linea è stata presentata al Ces tramite quattro elettrodomestici (di fascia alta). Forno, lavastoviglie, frigorifero e il “povero” maggiordomo CloI.

Ryu Hye-jung, ideatore della “smart solution business division” di LG, prima del Ces, aveva dichiarato:

Vogliamo espandere il nostro portfolio di robot per portare sempre più innovazione e comodità nella vita dei consumatori. Continueremo a sviluppare robot con applicazioni per la casa e per il business cercando sempre nuove opportunità per contribuire l’avanzamento dell’industria robotica.

Forse non avrebbe usato le stesse parole con il senno del poi, però va detto che LG è stata l’unica compagnia a metterci la faccia. Altre società, come Samsung e Sony, hanno evitato di portare robot sul palco pur presentando prodotti con intelligenza artificiale.

Non si finisce mai d’imparare

Ha spiegato la compagnia facendo riferimento alle abilità dell’intelligenza artificiale di apprendere con il tempo.

La scommessa italiana

Noi puntiamo tutto sul robottino ideato da un team italiano: Iooota. In questo caso l’assistente virtuale è un’app, usata per gestire i dispositivi smart presenti in casa. Il suo nome, lo stesso della tuta di Iron Man e dell’assistente virtuale di Zuckerberg, dovrebbe portare fortuna. Forza Jarvis, siamo tutti con te.

Elena Carletti

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi