In aprile anche Iperborea si veste di giallo:”Miraggio 1938″ di Kjell Westö

http://iperborea.com/titolo/454/
0
http://yle.fi/uutiset/osasto/news/sweden_awards_literature_prize_to_finnish_author_kjell_westo/7127143
Kjell Westö
In aprile anche Iperborea si veste di giallo…
 
È in arrivo un giallo interessante fra i libri del catalogo Iperborea ad Aprile. Si tratta di un mistery ambientato ad Helsinky negli anni ’30 e è firmato da Kjell Westö scrittore e giornalista svedese.
 
————————————-
In aprile anche Iperborea si veste di giallo…
È svedese, e il 7 Aprile prossimo andrà ad arricchire il catalogo Iperborea con il suo romanzo storico “Miraggio 1938″. Si chiama Kjell Westö ed è stato già premiato per un’altro romanzo storico. In questa occasione ci porta in quel momento in cui la Svezia era stretta fra due regimi autoritari ovvero quello nazista e quello staliniano.
Il 1938 è quel momento in cui siamo ad un passo dal conflitto mondiale e la Germania desta paura e ammirazione. Siamo ad Helsinki dove è da poco rientrato Claes Thune che non vive un momento particolarmente felice. La moglie lo ha lasciato, la sua carriera diplomatica è stata fallimentare e i suoi amici sono divisi da differenti visioni della vita. Nel giugno 1939 con gli amici partecipa all’inaugurazione del nuovo stadio olimpico di Helsinky proprio quando a  vincere i 100 metri piani è un ebreo che, vista la presenza di una rappresentanza della Germania Nazista, viene retrocesso al quarto posto. E visto che questa storia si ispira ad una realmente accaduta, nel 2013, la federazione finlandese di atletica ha ricorretto questo risultato, dopo l’uscita di questo romanzo.
Claes è depresso e all’interno del suo mondo ha un solo punto di riferimento: la sua segretaria Matilda. Donna dal passato doloroso e triste che però è impeccabile, seria e competente al suo fianco. due solitudini che si incontrano e si sostengono. La signora Wiik è anche lo spunto per parlare dei campi di prigionia e della guerra civile finlandese del 1918.
È il periodo giusto per un libro del genere che intercetta il rinnovato interesse per l romanzo giallo che sia al contempo storico e psicologico. Negli ultimi anni l’interesse per titoli di questo genere è cresciuto grazie alle nuove tendenze di lettura. Tendenza iniziata parecchio tempo fa che vede anche molti storici provarsi in questo campo anche se difficilmente si discostano dal romanzare la realtà. Kjell Westö, invece inserisce la sua storia nella Storia, portando a galla le contraddizioni di un tempo e di un mondo che non può più, vista la contingenza del momento, permettersi mezze misure. E’ un’analisi molto precisa di una società che poco ancora viviamo e guardiamo ancora con curiosità.

Kjell Westö è molto attivo e ha scritto, con questo, ben cinque romanzi ed è anche pluripremiato. Dal 1997 al 2014 ha vinto 4 importanti premi tra cui il “Premio Finlandia” e il “Premio letterario del consiglio nordico” quest’ultimo proprio per il libro che vi presentiamo oggi. La scrittura di Westö è stata definita come maniacalmente precisa per i dettagli storici, ma dai suoi scritti traspare anche il suo profondo amore per la sua città, Helsinki. E’ il primo dei  romanzi che viene pubblicato in Italia e ancora non si trovano molte notizie su di lui.Quindi ci toccherà aspettare con pazienza l’uscita di questo libro per vedere se le attese saranno confermate.

I riferimenti del libro: “Miraggio 1938″, Kjell Westö – Iperborea tradotto da Laura Cangemi, pagine 448, prezzo 18,50€.
Simona Scravaglieri

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi