Italia: prima nazione eruopea per concessione di cittadinanza

Radio InBlu
0

Ottenere la cittadinanza italiana tra burocrazia, leggi incompiute e diritti negati.

I dati Eurostat segnano l’Italia come la prima nazione europea per concessione di cittadinanza. Nel 2015 l’Italia ha concesso la cittadinanza a ben 178.035 stranieri. L’11% sono migranti provenienti da altri paesi europei (come la Romania), mentre il restante 89% proviene da paesi extra europei (Filippine, Marocco, India, ecc).

Piuculture

Il nostro Paese ha un altro primato sulla concessione della nazionalità italiana, in quanto è quello che più ha concesso, sempre nel 2015, il più alto numero di cittadinanze a marocchini (37.7%), albanesi (72.6%), romeni (50.7%). Seguono poi i cittadini del Bangladesh (51,6%), filippini (28,9%), senegalesi (42,8%), ghanesi (38,6%), serbi (30,2%) e gli egiziani (56,7%).

Benché questi numeri possano far credere che l’iter per ottenere la cittadinanza italiana sia semplice e veloce, la realtà dei fatti è un poco differente. Secondo la legge n. 362 del 28 Aprile 1994 – art. 3, lo straniero che ha tutti i requisiti necessari all’ottenimento della cittadinanza, dovrà attendere fino ad un massimo di 730 giorni prima che la sua richiesta venga accettata e diventi cittadino italiano a tutti gli effetti. I tempi di attesa, però, sono spesso e volentieri molto più lunghi. Molti aspettano anche quattro o cinque anni prima di ricevere una risposta.

Anche i requisiti richiesti sono assai restrittivi: un individuo nato in Italia può chiedere la cittadinanza solo se è stato residente legalmente, senza interruzioni, fino al compimento della maggiore e età.
Nel 2015, la Camera, ha approvato una legge volta a rendere la cittadinanza una meta più accessibile a tutti i ragazzi, figli di migranti, nati in Italia o giunti nel nostro Paese da piccoli. La norma prevede anche lo ius culturae, secondo il quale il minore straniero regolarmente residente sul territorio e che abbia completato uno o più i cicli scolastici, per una durata di almeno cinque anni, ha il diritto ad ottenere la cittadinanza.

Tale legge è però ferma da oltre un anno, in attesa di essere approvata anche dal Senato. La campagna “L’Italia sono anch’io” ha promosso, lo scorso febbraio a Roma, il Carnevale della Cittadinanza, una manifestazione di protesta contro tale mancanza.

Quando la legge entrerà in vigore, permetterà ad oltre un milione di stranieri di diventare cittadini italiani.

Radavoiu Stefania Ema

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Cliccando su Accetta, acconsenti all'utilizzo dei cookie e di eventuali dati sensibili da parte nostra; secondo le normative vigenti GDPR. More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi